Riassunzione a scuola docente dopo dimissioni: cosa fare?

Un dipendente pubblico che presenta dimissioni, in caso di ripensamento può essere riassunto dall’amministrazione di appartenenza?

Cosa accade se un docente che presenta dimissioni poi ci ripensa? Come funziona la riassunzione nel comparto scuola? Vediamo l’interessante caso di un nostro lettore che, dopo aver presentato dimissioni per assistere sua madre con 104, ora ci ha ripensato e vorrebbe riavere il suo posto di lavoro a scuola. Cosa dice la normativa al riguardo?

Riassunzione a scuola dopo dimissioni

Un nostro lettore ci chiede:

Vorrei sapere se per le dimissioni durante il periodo di prova il docente può essere riammesso in servizio per aver dato le dimissioni in u  momento di preoccupazione per la propria madre poi deceduta. Io nel 2018 sn stato neoimmesso in ruolo come prof di matematica e scienze s seguito di concorso ordinario.Nua madre era titolare di legge 104 in situazione di gravità e non sapevo del congedo biennale durante il periodo di prova e mi sn dimesso ignaro in un momento di preoccupazione.Non so come fare ho scritto vari reclami.Voglio sapere se posso essere riammesso in servizio grazie.Sn molto provato perchè mia madre dopo 3 mesi dalla dimissione è morta. La normativa non lo vieta se c è il posto ma vorrei sapere se per essere riammessi è necessario aver superato il periodo di prova grazie. Ho avuto 5 immissioni in ruolo e avevo accettato la cattedra a 11 km da casa. Non mi hanno detto del congedo biennale ma avevano protocollato la legge 104 in situazione di gravità. Io credevo che durante il periodo di prova non si poteva chiedere e ho fatto errore di dimettermi. Ho fatto entro il 15 gennaio del 2019 domanda di riammissione. L’immissione in ruolo è stata il primo settembre 2018 e mi hanno accettato subito a far data dal18 otto ore 2018 dimissioni.Veramente avrebbero dovuto accettarle dal primo settembre 2019. Cmq io voglio sapere se ho diritto alla riammissione anche se non ho fatto il periodo di prova. La legge dice che uno rientra nel ruolo di provenienza a domanda se ci sn i posti e loro mi hanno risposto che non ci sn i posti.

Riassunzione, quale procedura?

Le dimissioni sono permanenti e possono essere revocate soltanto entro 7 giorni dalla loro presentazioni. Non vi è ripensamento, quindi, quando si presentano le proprie dimissioni.

Se a distanza di mesi, o anni, un dipendente del pubblico impiego, però, vuole una riammissione in servizio vi è un preciso procedimento da osservare per avere qualche possibilità.

Bisogna presentare, come prima cosa, una domanda di riammissione alla sovrintendenza scolastica entro il 15 gennaio di ogni anno. Ad esprimere un parere sul servizio prestato dal docente deve essere l’ultima scuola in cui ha prestato servizio.

La compatibilità della domanda, quindi, deve essere valutata dalla Sovrintendenza scolastica  che solo nel caso in cui vi sia disponibilità di cattedre può accettare la riammissione in servizio.

La riassunzione, quindi, non spetta di diritto ma è subordinata alla disponibilità di cattedre. Da tenere presente, poi, che si può essere assegnati anche in una scuola diversa rispetto a quella in cui si è prestato servizio.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.