Ricciardo: “Confido di poter essere ancora campione del mondo”

Daniel Ricciardo non perde la speranza di diventare un giorno campione del mondo di Formula Uno

Daniel Ricciardo non perde la speranza di diventare un giorno campione del mondo di Formula Uno. L’australiano afferma che questa è la motivazione che lo fa andare avanti nella competizione. Prende la porta di uscita quando sente di non essere in grado di farlo. Ricciardo ha riconosciuto che nonostante sia felice di essere arrivato al Grande Circus, il suo vero obiettivo è quello di raggiungere una Coppa del Mondo prima di ritirarsi. L’australiano crede di avere la capacità di raggiungere questo obiettivo e non vuole lasciare incompiuta la sua storia di Formula 1.

Daniel Ricciardo non perde la speranza di diventare un giorno campione del mondo di Formula Uno

“Il mio obiettivo in tutta questa avventura non era solo quello di arrivare in F1. Voglio diventare campione del mondo. Volevo arrivare qui? Certo. Mi piace? Sì. “, ha detto in un’intervista radiofonica con la BBC. “Ma se questo finisse oggi sarei deluso? Gran parte di me sarebbe delusa perché penso di essere abbastanza bravo da riuscirci quindi penso che sia qualcosa che ho lasciato a metà,” ha aggiunto. L’ex pilota della Red Bull ha indicato che lascerà lo sport il giorno in cui perderà l’illusione di diventare campione. Finora quel giorno non è arrivato. La verità è che in questo momento le sue opzioni sono quasi nulle con la Renault.

L’australiano è accanto a Carlos Sainz nell’orbita della Ferrari nel caso in cui Sebastian Vettel non rinnovi per il 2021. Senza dubbio, il posto accanto a Charles Leclerc sarebbe la sua grande opportunità per raggiungere il suo obiettivo. “Questo è l’obiettivo finale. Il giorno in cui penso che non ci riuscirò sarà il giorno in cui lascerò lo sport, ma penso davvero di poter ancora essere campione del mondo “.Ricciardo vorrebbe che tutti i piloti competessero a parità di condizioni per vedere chi è  veramente il migliore. Tuttavia, ritiene che una delle attrazioni di questo sport sia prendere le decisioni giuste quando si sceglie una squadra.

“È frustrante che quasi tutto in questo sport sia deciso trovandosi nella macchina giusta nella stagione giusta. Ma mi sono iscritto per questo. E questa è di per sé una parte interessante dello spettacolo. È come una partita a scacchi molte volte. Vorrei che fosse tutto in bianco e nero e che tutti avessero la stessa cosa per vedere chi è il migliore, ma non è così che funziona. Ma penso davvero che il migliore troverà sempre il modo di essere il più alto possibile”.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Gran Premio di Gran Bretagna ancora incerto a causa di possibili nuove misure di quarantena


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp