Ricostruzione delle unghie in gel: pro e contro da sapere

La ricostruzione in gel dell’unghia è una delle ultime tendenze beauty che spopola tantissimo tra le donne di ogni età. Ma sappiamo davvero tutto su questa tecnica?

Non è la prima volta che trattiamo l’argomento delle unghie, in particolare della ricostruzione in gel, che negli ultimi anni, assieme alla così detta colata, sta spopolando tra le donne di ogni età. In particolar modo, la maggior parte delle donne ricorre appunto alla ricostruzione in gel, perché mostra numerosi vantaggi. Ma, purtroppo, non è tutto oro ciò che luccica e questo vale anche per la ricostruzione in gel. Indubbiamente tutte le donne, o almeno la maggior parte, la desiderano, anche quelle che rivendicano come un’unghia naturale sia migliore di quella artificiale. Tutte le donne ne sono quindi affascinate anche per come vengono decorate, ma scopriamo meglio qualcosa da sapere in più su questa tendenza.

I vantaggi della ricostruzione in gel delle unghie

La prima cosa che ci viene in mente quando pensiamo ad una ricostruzione è sicuramente la manicure perfetta. Avere una mano ben curata è una cosa che va a vantaggio a qualsiasi donna. Ci dona un portamento più curato e ben tenuto. Un’altra cosa positiva è che non si deve ricorrere allo smalto più volte. O meglio, grazie alla ricostruzione in gel, il colore applicato non andrà mai via, cosa che invece capita con lo smalto classico, dove siamo costrette a ripassarlo più di una volta a settimana. Poi, in questo modo è possibile decidere la lunghezza dell’unghia, quindi avere campo libero, e inoltre le unghie in questo caso artificiali sono molto più resistenti rispetto a quelle naturali. Ne andiamo poi a guadagnare di tempo, o meglio andiamo quella volta a settimana dalla onicotecnica e poi non dobbiamo più dedicarci alle unghie e al loro aspetto. Infine, è un ottimo modo per non mangiare più le unghie, per chi, come me, ha questo vizio e non riesce assolutamente a toglierlo.

I svantaggi della ricostruzione in gel

Purtroppo, come si sul dire “chi bella vuole apparire, molto deve soffrire”. E anche in questo caso, anche se si tratta di unghie, ci sono alcuni svantaggi che vanno a nuocere alla salute delle unghie che non devono essere sottovalutate. Il primo svantaggio della ricostruzione in gel è che man mano che la si fa, l’unghia va sempre di più ad indebolirsi. Addirittura, l’unghia può arrivare a sfaldarsi e quindi essere più fragili. Questo porterebbe le unghie a spezzarsi con più facilità. Man mano poi che crescono si nota il distacco tra la copertura in gel e la ricrescita dell’unghia, per non parlare poi dei costi che col trascorrere del tempo aumentano sempre di più. Il discorso qua si collega al fatto di doversi recare, quindi, dall’onicotecnica una volta al mese, e se poi la ricostruzione in gel di un’unghia si spezza, bisogna andarci più di una volta. Dopo 3 mesi, inoltre, le unghie devono respirare e riprendere quella salute che hanno perso, infine possono anche portare la dermatite se la mano interessata non è sana al 100%, ma soffre alcune sostanze chimiche presenti nel gel.

leggi anche : Valorizzare il lato B di una donna: ecco i consigli


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.