Coronavirus: spunta l’ipotesi di ridurre la quarantena da 14 a 10 giorni

Durante il vertice Med-7 ad Ajaccio, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha ipotizzato di ridurre la quarantena la 14 a 10 giorni

L’ipotesi di ridurre la quarantena da 14 giorni a 10 è stata anticipata dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. L’occasione è stata una riunione del vertice Med-7 ad Ajaccio. La parola ora passa al Comitato tecnico-scientifico, che si riunirà martedì. 

L’ipotesi di ridurre la quarantena da 14 a 10 giorni

“L’Organizzazione mondiale della sanità” ha spiegato il Premier Conte “ha ribadito che la soluzione più cautelativa è di 14 giorni, ma ci sono alcuni Paesi, alcuni esperti che valutano comunque la possibilità di una riduzione”. Il Presidente ha poi continuato ipotizzando di ridurre l’isolamento domiciliare di qualche giorno, sottolineando però che la decisione non spetta solamente al Governo. Non del tutto convinto si è detto, invece, il direttore generale aggiunto dell’Oms, Ranieri Guerra, sostenendo che è opportuno che la decisione venga presa da tutti i membri dell’Unione Europea, basandosi su delle evidenze scientifiche.

A fine agosto la Germania aveva interrogato il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, chiedendo se ci fossero prove scientifiche per sostenere una riduzione della quarantena da 14 a 10 giorno. L’Ecdc, in un documento pubblicato dall’Ansa, sostiene che ridurre il periodo di isolamento ridurrebbe conseguentemente anche la possibilità di rintracciare i sintomatici fra i contatti stretti dei casi confermati. In particolare si perderebbero circa il 6% dei casi. 

La quarantena negli altri Paesi

Nonostante le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, tuttavia, molti Paesi del mondo hanno deciso di organizzarsi diversamente. La prima è la Francia che, nonostante l’esponenziale aumento dei contagi, ha deciso di ridurre il periodo di quarantena da 14 a 7 giorni. Anche in America il CDC (Centers for Disease Control and Prevention), dopo diversi test, ha dimostrato che la quarantena potrebbe essere ridotta ad una decina di giorni. 

Di parere contrario, invece, sono i ricercatori dell’Università di Shanghai. Secondo i loro studi, infatti, il periodo di incubazione del Coronavirus sarebbe più lungo rispetto ai 4/5 giorni stabiliti dall’Oms. Sarebbe, quindi, opportuno estendere la quarantena oltre i 14 giorni, precisamente dai 18 ai 21. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp