Riforma fiscale 2020: il governo prevede novità per IMU-TASI, IRPEF e IVA

Riforma fiscale 2020: accorpamento IMU-TASI, niente aumento IVA, deducibilità integrale IMU imprese, taglio agevolazioni IRPEF

Il nuovo governo è alle prese con le nuove iniziative da mettere in atto nella riforma fiscale e da inserire quindi nella manovra 2020.  Per il 27 settembre è prevista la presentazione del Def, il documento di Economia e Finanza. Il governo ha anticipato le varie iniziative da approvare che riguardano l’unificazione IMU Tasi, un taglio al cuneo fiscale per i tutti i lavoratori, una deducibilità totale IMU capannoni per le imprese, una revisione dell’agevolazione fiscale e una tax expenditure. Inoltre si sta anche pensando ad una semplificazione delle aliquote IRPEF, anche se non sarà di immediata attuazione.

Riforma fiscale: quali sono le novità

Come abbiamo detto il punto di partenza del Governo è quello di reperire le risorse per evitare l’aumento dell’Iva, che è previsto come clausola di salvaguardia. L’importo necessario è di 23 miliardi a cui si devono aggiungere altri 7 miliardi di spese indifferibili e si arriva, quindi a un totale di 30 miliardi.  Oltre a ciò, bisogna sommare anche le risorse per sostenere le riforme che già sono in atto e si arriva all’incirca a 35 miliardi di euro che il governo deve riferire.

Per capire qual è l’impatto sulla crescita e quanto il governo intende finanziare la manovra a deficit, bisogna aspettare di conoscere i numeri del Def. Il governo chiede all’Europa una flessibilità selettiva in modo che possa investire in un Green New Deal senza impattare sul deficit.

Le misure annunciate per la manovra 2020

Le misure annunciate per la riforma fiscale e inserire nella manovra 2020, sono le seguenti:

  • IVA: no aumento, infatti verranno congelate le clausole di salvaguardia per evitare l’aumento dell’IVA che doveva essere messo in atto dal mese di gennaio. Il costo dell’operazione è di 23 miliardi di euro;
  • IMU-TASI: le due tasse verranno a corporate in modo da poter semplificare l’estrema complessità che si era aggiunto nell’attuale sistema, sfoltendo le regole. Si dovrebbe anche avere l’obiettivo di ridurre la Tax Gap che nelle imposte sulla casa si aggira intorno ai 5 miliardi;
  • Agevolazioni fiscali: un taglio all’agevolazioni fiscali in modo da riordinarle tutte e di risparmiare 2 miliardi all’anno sul decreto ambiente in preparazione, il quale prevede un taglio del 10% annuo su tutte le agevolazioni che riguardano i sussidi dannosi per l’ambiente. Bisogna capire se queste cifre verranno realmente confermate e quale altre invece verranno previste sul fronte tax expenditure. Indipendentemente da ciò dai capitoli risparmi si ottengono 5 – 6 miliardi sommando La Spending Review e tax expenditure;
  • Taglio cuneo fiscale: il governo ha programmato a favore dei lavoratori un taglio fiscale, ciò è stato anche ribadito con l’incontro con i sindacati, a Palazzo Chigi, in vista del bilancio e del Def;
  • IMU capannoni deducibile: con il decreto crescita la deducibilità integrale del IMU capannone era prevista per il 2023, invece il viceministro dell’economia Antonio Misiani ha annunciato l’impegno di anticipare talea agevolazione al 100%;
  • Riforma aliquota IRPEF: anche la riforma dell’aliquota IRPEF è nel programma di governo, ma non di mediata attuazione. Quindi molto probabilmente questo argomento verrà affrontato nei prossimi anni;
  • Stop alla flat tax: non ci sono misure previste per la flat tax. La nuova legislazione prevede la flat Tax al 15% per le partite IVA fino a €65000 che scelgono il regime forfettario è già operativa dal 2019. Invece nel 2020 verrà attuata la flat Tax al 20% fra i 65.000 e 100.000 senza riserva alle partite IVA, anche se non vi è l’applicazione del regime forfettario. Su quest’ultima misura è possibile una frenata da parte dell’esecutivo.

Riforma fiscale: taglio tasse in busta paga e istruzione gratuita, per chi?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.