Riforma pensione: fuori quota 100 e ritorno alla riforma Fornero

Riforma pensioni, adesso l’Italia deve dar conto all’Ue che impone un sistema rigido sulle pensioni. Fuori Quota 100, a rischio proroga Opzione donna e Ape sociale, sotto la lente d’ingrandimento anche i lavoratori precoci e il blocco dell’aspettativa sull’anticipata fino al 2026.

Riforma pensione, aumentano le difficoltà dopo l’accordo raggiunto a Bruxelles, la criticità innescata sul sistema pensionistico italiano, specialmente su Quota 100, non piace all’Unione Europa. Adesso l’Italia ritorna sotto i riflettori dell’UE, il plan di 750 miliardi tra sussidi e prestiti ai Paesi dell’Unione obbliga il Governo italiano a compiere spese valutando bene i conti. Da Roma arriva un messaggio diretto, abbandonare immediatamente la strada di misure pensionistiche che hanno portato a Quota 100 e riprendere  la strada della riforma Fornero. 

Riforma pensione: stretta sulle pensioni

Più volte nel vertice dell’Unione Europa tenutosi a Bruxelles, l’Italia è stata bacchettata dai paesi frugali in riferimento alle pensioni anticipate. L’avvertimento è stato chiaro, bisogna abbandonare quota 100 e ritornare alla riforma Fornero  e seguire la strada iniziata da Elsa Fornero. 

Il Governo deve mantenere un flusso costante e senza troppi sobbalzi degli aiuti comunitari, il Governo deve evitare di inciappare nello scalone della Quota 100 che si prospetta a fine 2021. 

Trovi nella nostra rubrica pensioni news tutte le misure attualmente in vigore

Martedì primo incontro con tavolo tecnico

Martedì prossimo ci sarà il primo incontro tra sindacati e la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo con la commissone tecnica per un primo confronto sulla riforma pensioni. A rischio non solo quota 100 ma anche la proroga per Ape Sociale e Opzione donna, sotto la lente di ingrandimento anche l’anticipo per i lavoratori precoci e il blocco dell’aspettativa di vita fino al 2026 sulla pensione anticipata che prevede il pensionamento con 42 e 10 mesi di contributi (uomini) e 41 e 10 mesi (donna). 

Considerazioni

La situazione non si prospetta delle migliori e lo scotto da pagare finisce sempre sulle pensioni. Gli aiuti europei devono avere sempre un ritorno che non è mai chiaro e limpido, ma naviga in acque chete. Il sistema previdenziale italiano è molto complesso fatto da tante leggi e riforme e la disoccupazione ha un indice molto alto, per non parlare del continuo afflusso di migranti. Persone che sperano di trovare lavoro in un’Italia troppo provata e impoverita dal susseguirsi di Governi che non tutelano i lavoratori e i pensionati. La legge Fornero ha dato vita agli esodati, cosa succederà adesso, cosa devono aspettarsi i futuri pensionati per compiacere all’Unione Europa? 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”