Riforma Pensioni 2019: quali modifiche sono attese in Senato?

Nuovi provvedimenti si attendono per la modifica della Riforma pensione in via di approvazione al Senato. Ecco le novità

Riforma Pensioni 2019 – Inizia la discussione del DL 4/2019 che riguarda la Quota 100 e il reddito di cittadinanza in Commissione Lavoro del Senato. Sono pronte anche nuove proposte per estendere il riscatto agevolato della laurea.

Il decreto-legge sulla Quota 100 e sul Reddito di Cittadinanza ha iniziato il suo iter parlamentare per la conversione in legge, presso la Commissione Lavoro del Senato. Sono già pronti da parte dei partiti politici molti emendamenti da presentare per modificare in diversi punti il provvedimento. Uno tra gli interventi più attesi è la facoltà di riscatto agevolato della laurea.  Poiché molto probabilmente si è allargata la platea coinvolgendo i lavoratori fino a 50 anni di età a fronte dei soli 45 anni attuali.  Interessante è anche la questione del termine di pagamento del TFS per i dipendenti pubblici che malgrado il decreto governativo resta ancora particolarmente penalizzante.

Riforma pensione 2019: i provvedimenti da proporre

In base al DL 4/2019 l’erogazione della buonuscita che i dipendenti pubblici che aderiscono alla quota 100 non decorreranno dalla data di cessazione del servizio ma dalla data di maturazione e dei requisiti in base alla legge Fornero. Quindi quando si raggiungerà almeno 67 anni di età, ciò comporterebbe uno slittamento, di almeno 7 anni nell’erogazione della buonuscita rispetto al settore privato.

L’unica possibilità di poter anticipare il TFS è ricorrere al prestito bancario, novità introdotta dal DL4/2019, con una apposita convenzione per un massimo di 30mila euro sul modello di quanto è previsto per l’ape volontario, anticipo pensione pagato dalle banche.

Il lavoro che vuole seguire il Parlamento è quello di incrementare l’anticipo in prestito da 30 mila euro a 50 mila euro. Anche se è ancora persistente il modo confuso della procedura per la richiesta dell’anticipo. La richiesta della certificazione all’Inps per l’importo maturato non è plausibile in quanto l’Istituto non può produrla per il settore parastatale.

Un’altra questione importante è la detassazione che per come è stata formulata la norma escluderebbe i dipendenti pubblici assunti dopo il 2000 in regime di TFR. Quindi ci aspettiamo degli emendamenti parlamentari potrebbero modificare tali provvedimenti.

Riforma pensione 2019: Pensioni Anticipate

Segnaliamo un’altra questione per i 15 lavori gravosi che sono stati danneggiati dall’intervento normativo. Infatti avendo già guadagnato lo scorso anno la sospensione dello scatto della speranza di vita Istat, si sono visti, invece applicare la finestra mobile trimestrale dal 1° gennaio 2019, subendo, quindi, uno ulteriore slittamento di tre mesi il pensionamento rispetto a quanto previsto in origine.

Il PD vuole proporre provvedimenti per superare i vincoli attuali che rendono molto difficile l’accesso al pensionamento, poiché condizionano il diritto alla pensione al raggiungimento di determinati importi soglia dell’assegno (1,5 e 2,8 volte l’assegno sociale). Il progetto del PD è quello di inserire una nona salvaguardia pensionistica per tutelare ultimi esclusi. Inoltre stabilizzare l’ape sociale oltre il 31 dicembre 2019 e il riconoscimento di benefici previdenziali per il lavoro di cura e familiare.

Bisogna inoltre notare che il DL 4/2019, anche se ha bloccato l’aspettativa di vita per le pensioni anticipate, non ha superato la reversione dei coefficienti di trasformazione del calcolo contributivo della pensione. Che  sono scattati, dal 1° gennaio 2019 e una nuova riduzione si avrà il 1° gennaio 2021.

Rimarchiamo l’attenzione, anche sul comparto difesa e sicurezza che è rimasto escluso dal perimetro di intervento governativo.

Riforma Pensioni 2019: Quota 100, Opzione Donna e Ape. Previsti costi per 4,6 miliardi

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.