Riforma pensioni e quota 100: per docenti che compiono gli anni prima di settembre come funziona?

Come potranno accedere i docenti alla pensione quota 100 avendo l’unica finestra il 1 settembre di ogni anno?

Un nostro lettore ci chiede se, per il personale della scuola, con la riforma della pensione in atto, compiendo i 64 anni entro luglio 2019 con i 36 anni maturati potrebbe accedere alla quiescenza a settembre 2019. La nostra risposta al riguardo al momento è un “non lo sappiamo”. Non esiste un decreto per il pensionamento anticipata con la quota 100 che stabilisca le modalità di pensionamento per i dipendenti pubblici e quelli privati.

Per la pensione di vecchiaia, ad esempio, per il personale della scuola che compie gli anni per l’accesso tra il 1 gennaio e il 31 agosto di ogni anno c’è il collocamento in pensione d’ufficio, così come per la pensione anticipata per chi matura entro il 31 agosto i requisiti previsti per l’accesso alla prestazione.

Ma queste sono norme stabilite dal MIUR in accordo con l’Istituto previdenziale. Non pensionepossiamo sapere come sarà regolamentata la quota 100 soprattutto ora che non si sa neanche se i requisiti di accesso saranno davvero quelli che il governo ha annunciato.

Mancano ancora diversi mesi all’attuazione della misura e in questi mesi di cose ne potrebbero cambiare davvero tante. La quota 100 al momento è soltanto un’ipotesi per la quale si pensa di poter accedere alla pensione con 64 anni di età e 36 anni di contributi, ma finchè non si avrà il decreto scritto nero su bianco sulla Gazzetta Ufficiale nessuno potrà rispondere a domande come questa.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.