Riforma pensioni: nuova ipotesi di uscita a 62 anni, ma non è quota 100

Riforma pensione, in attesa del tavolo tecnico del 16 settembre, spunta una nuova ipotesi di uscita a 62 anni, ecco di cosa si tratta.

Nell’attesa del tavolo tecnico di settembre sulla nuova riforma pensioni, spunta una nuova ipotesi di uscita anticipata a 62 anni. La nuova ipotesi non riguarda un prolungamento della quota 100, ma si tratta di una nuova misura che ha gli stessi requisiti di quota 100: 62 anni di età e 38 anni di contributi, ma con penalizzazione sull’assegno. Bisogna precisare che la quota 100 attuale inserita nelle pensioni news è senza penalizzazioni, questo significa che è calcolata come la pensione ordinaria, senza decurtazione o altro sistema di calcolo. 

Riforma pensioni: la nuova ipotesi allo studio

Per accontentare un pò tutti si studia la soluzione da intraprendere, sempre che governo e sindacati si riuniscano per decidere la linea da seguire sulla nuova riforma pensione

Nel frattempo, si fanno mille ipotesi tra cui questa nuova misura che sarebbe lo specchio di quota 100 con aggiunta di penalizzazione, che dovrebbe secondo le teorie dei tecnici, calmare i cittadini e soddisfare i conti di bilancio. Ma è davvero così?

Gli incontri tecnici in agenda previsti per settembre sono: 8 settembre per interventi da inserire nella Legge di Bilancio 2020 e il 16 settembre per discutere sul sistema previdenziale che dovrà essere flessibile ed equo. 

Una decurtazione fino al 15% dell’assegno

La nuova ipotesi pubblicata dal Messaggero sembrerebbe rispecchiare nei requisiti la quota 100 ma con una penalizzazione sull’assegno previdenziale con una decurtazione pari al 3% per ogni anni, fino ad arrivare ad un massimo del 15% dell’assegno pieno per coloro che accedono alla pensione di vecchiaia con 67 anni di età e un minimo di 20 anni di contributi. 

Il dibattito tecnico sulla riforma pensione si aprirà il 16 settembre e solo dopo quella data potremmo sapere effettivamente cosa bolle in pentola. Tra le varie misure da inserire nella legge di Bilancio, ci sono le proroghe a scadenza del sussidio Ape Sociale, l’Opzione donna e il proseguimento di quota 100 per l’ultimo anno sperimentale per poi lasciare spazio alla nuova forma pensionistica. 

Dopo l’incontro Bruxelles il sistema previdenziale italiano è visto diversamente: Riforma pensione: idee discordanti, ecco la verità sulle pensioni nel 2021


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”