Riforma pensioni: Quota 41 per tutti e vittime della legge Fornero ‘esodati’, le ultime news

Riforma pensioni 2021, gli ultimi scenari vedono la pensione anticipata Quota 41 per tutti con una possibile soluzione degli esodati, le vittime della legge Fornero, le ultime news

La riforma pensioni quota 41 per tutti si apre a nuovi scenari, e un’intervista al ministro del Lavoro Cesare Damiano ad Erica Venditti di Pensioni per tutti, in riferimento alla questione delicata delle pensioni e il decreto legge ‘Rilancio’ in attesa dell’approvazione del Senato e alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Riforma pensioni quota 41: vittime della legge Fornero

Nell’intervista viene affrontato il tema delle vittime della legge Fornero: gli esodati, 6.000 persone che non percepiscono né stipendio né pensione, perché non sono rientrati per vari fattori nelle otto salvaguardie approvate.

Il ministro spiega che il decreto legge “Rilancio”  ha stanziato fondi per 55 miliardi a favore delle imprese, famiglie e lavoratori, con l’obiettivo di tutelare i più deboli.

Il prossimo passo è risolvere la loro situazione, come richiesto dal Coordinamento dei lavoratori esodati.

Per conoscere tutte le ultime novità sulle pensioni, consigliamo di consultare la nostra categoria: Pensioni news

Pensione Quota 41 per tutti

Sulla nuova riforma pensioni molti dubbi, il cardine della situazione verte sulla flessibilità in uscita in modo da creare nuovi posti di lavoro per i giovani. La pensione anticipata permette di uscire prima dal posto di lavoro permettendo alla nuova generazione di entrare nel mondo del lavoro.

Le richieste dei sindacati sono tante, si parla di una nuova misura pensionistica con un’uscita flessibile da un’età anagrafica di 62 anni, con una penalizzazione sull’assegno pensionistico, potrebbe aggirarsi intorno al 2% per ogni anno anticipato.

Poi bisogna rivedere anche l’elenco delle attività usuranti e gravose, perché molte attività sono state escluse, bisogna molte categorie che anche in virtù della pandemia da Covid-19 sono state particolarmente esposte.

L’ U.S. Department of Labor, Employment and Training Administration ha evidenziato le categorie di lavoratori che sono a rischio: cassieri, igienisti dentali, ecc.

Secondo il ministro, bisognerà individuare le attività lavorative gravose e usuranti che espongono  i lavoratori a forti rischi anche considerando la pandemia da Covid-19.

Per la quota 41 che prevede 41 anni d contributi a prescindere dall’età anagrafica che garantisce l’ingresso ai lavoratori precoci che hanno iniziato a lavorare prima del diciannovesimo ano di età e hanno versato almeno un anno (52 settimane) di contributi, i sindacati propongono una fissazione della misura con una riduzione dei paletti imposti; anche su questo bisognerà trovare il giusto equilibrio. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”