Riforma pensioni: ultime news sull’uscita a 62 anni dopo Coronavirus

Riforma pensioni 2021: ultime news con flessibilità in uscita a 62 anni dopo il coronavirus, misure mirate e dignitose per permettere l’uscita dei lavoratori e l’ingresso dei giovani.

La Riforma pensioni sulle ultime news 2021, con il ritorno alla quasi normalità si aprono nuovi scenari sulle pensioni con tantissime novità per il 2021. Si parla di un cambiamento radicale con un rilancio da parte della Uil di un’uscita flessibile dai 62 anni. La flessibilità in uscita ad un’età di 62 è importante ed è considerata un’arma vincente per permette ai lavoratori di uscire dal mercato del lavoro in modo dignitoso e aprire le porte ai giovani, specialmente dopo lo scenario che ha vissuto l’Italia con la pandemia da Covid-19.

Riforma pensioni ultime news 2021 e prospettivi dopo coronavirus

La disoccupazione in Italia nel 2020 salirà rispetto al 2019, sicuramente l’emergenza sanitaria ed economica che sta attraversando l’Italia non favorirà l’inserimento di nuovi posti di lavoro.

La situazione è critica in tutto il mondo e tutti stanno correndo ai ripari come possono. I giovani sono penalizzati, trovano lavori saltuari e mal retribuiti, la loro carriera lavorativa sarà discontinua ed è per questo che bisogna trovare la strada giusta per garantire una pensione degna e adeguata a tutti.

In questa ottica diventa fondamentale una riforma pensioni che preveda una flessibilità d’uscita a 62 anni, sotto due aspetti: fare spazio ai giovani e garantire una pensione dignitosa a chi finalmente può riposarsi.

Per conoscere  tutte le novità attualmente in vigore nel sistema pensionistico consigliamo di consultare la categoria: pensioni news 

Pensione con i fondi pensioni

Nella nuova Riforma pensioni, ipotizzata anche la possibilità di creare dei fondi pensioni ad hoc per permettere una previdenza complimentare utile per il pensionamento dei giovani, in modo da garantire una rendita, specialmente nei giovani meno fortunati che avranno una vita lavorativa discontinua. Il mondo del lavoro è cambiato e con esso devono cambiare gli strumenti previdenziali.

Il lavoratore deve essere tutelato in tutti suoi aspetti e al raggiungimento dell’età pensionabile che non può essere per tutti 67 anni (perchè non tutti i lavoratori possono svolgere determinate mansioni a quell’età) uscire con una pensione dignitosa.

Quindi, si rende necessario una riforma pensioni che prevede la scelta di una flessibilità in uscita a 62 anni e chi ha la forza di restare potrà anche rimanere fino a 67 anni, una scelta non una condizione. Inoltre, bisogna considerare anche l’anzianità contributiva che deve essere accettabile.

Qualche mese fa, prima della pandemia da coronavirus, ho realizzato un sondaggio che chiedeva ai lavoratori quale età era accettabile per l’uscita dal lavoro e con quanti contributivi. Ebbene, la risposta è stata precisa e con forza. la maggior parte dei lettori hanno risposto che per uscire dignitosamente dal lavoro: l’età giusta è 60 anni e 30 anni di contributi.

Sicuramente sarà difficile far quadrare i conti, ma si deve rilanciare il paese e bisogna considerare la forza lavoro, il rilancio dei giovani nel mondo del lavoro deve avvenire a condizioni che assicurino una forma pensionistica adeguata.

Nello stesso tempo garantire ai lavoratori che sono arrivati a trenta anni di contributi è a un’età di 60/62 anni di poter accedere alla pensione.

Solo con una Riforma pensioni equa e dignitosa e non lacrime e sangue come la legge Fornero, si potrà trovare il giusto equilibrio tra pensionati e flessibilità lavorativa.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”