Rimborsi Trenitalia per ritardo treno: quando spettano?

Quando spetta l’indennizzo in caso di ritardo del treno ad alta velocità?

Cosa accade se un cliente che acquista un biglietto per un treno di Alta velocità subisce ritardo? Può chiedere un indennizzo per il ritardo?

Ritardo compreso tra 30 e 59 minuti

Per ritardi compresi tra 30 e 59 minuti per gli arrivi di Treni Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca,  Trenitalia riconosce a titolo di indennizzo un bonus pari al 25% del prezzo del biglietto che potrà, poi, essere utilizzato nei 12 mesi successivi per l’acquisto di nuovi biglietti. Nota bene: l’indennizzo non si cumula con quello relativo ai ritardi superiori ai 59 minuti.

Ritardo suoperiore a 59 minuti

Se il ritardo portato dal treno è superiore a 59 minuti Trenitalia corrisponde un’indennità pari al

  • 25% del prezzo del biglietto per ritardi compresi tra 60 e 119 minuti
  • 50% del prezzo del biglietto per ritardi di almeno 120 minuti.

In questo caso l’indennità, a scelta del cliente, potrà essere corrisposta nei seguenti modi:

  • con un bonus per acquistare altri biglietti nei successivi 12 mesi
  • in contanti, ma solo per pagamenti effettuati in contanti
  • mediante il riaccredito per pagamento effettuati tramite carta di credito

Come chiedere l’indennizzo

L’indennizzo può essere richiesto decorse le 24 ore dall’effettuazione del viaggio (e fino a 12 mesi dopo la data in cui si è verificato il ritardo).


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.