Rimborso 730 in busta paga, è tassato?

Rimborso in 730 dal mese di luglio, è tassato? Come viene regolato il conguaglio e fine a che mese il datore di lavoro può liquidarlo?

Un lettore ci ha chiesto se il rimborso del 730 è tassato in busta paga, analizziamo l’effetto del rimborso sulla busta paga e le conseguenze, rispondendo al nostro lettore.

730Rimborso 730 in busta paga 

In busta paga del mese di luglio sono inseriti i rimborsi Irpef, oppure sono versati direttamente sulla pensione, a seconda che il contribuente sia un lavoratore dipendente o un pensionato. In caso il lavoratore sia disoccupato e in NASpi, il  rimborso IRPEF a credito può avvenire direttamente dall’INPS.

L’importo segnato in busta paga a credito del lavoratore, non è tassato nel cedolino, ma è l’importo effettivo corrispondente dal 730 inviato. il rimborso viene effettuato dal datore di lavoro mediante una riduzione corrispondente delle ritenute a titolo di Irpef effettuate sui compensi di competenza a partire dal mese di luglio. Se le ritenute da versare sono inferiori al credito da rimborsare al lavoratore, questo sarà suddiviso in rate corrispondenti al debito mensile delle ritenute che il datore di lavoro dovrà pagare. Il rimborso potrà essere inserito a rate nel cedolino paga fino al mese di dicembre.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.