Riscatto della laurea: conviene il riscatto agevolato?

Riscatto laurea con il criterio agevolato non sempre conviene. Vediamo il perché

Come noto l’entrata in vigore del DL 4/2019 ha introdotto dal 29 gennaio 2019, la possibilità di riscattare un anno di laurea con il criterio agevolato al costo di 5.233 euro. L’articolo 20, co. 6 del DL 4/2019 consente, in particolare, fino a chi ha compiuto 45 anni di età l’opportunità di riscattare i corsi di studi universitari che ricadono nel sistema contributivo, quindi quelli successivi al 31.12.1995.

Vediamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi.

Chi può usufruire del riscatto agevolato

Tale norma si riferisce a chi ha meno di 45 anni. I periodi che possono essere richiesti per il riscatto sono quelli successivi al 31.12.1995 non coperti da altra contribuzione utile ai fini pensionistici.

Nel caso in cui tale periodo è già parzialmente lavorato l’entità del periodo da riscattare si riduce.  Il riscatto del periodo di laurea si può richiedere solo nel caso del conseguimento della laurea e solo per i periodi di durata legale di studio, quindi non si possono riscattare i periodi fuori corsi.

I costi ed i vantaggi

Il riscatto agevolatosi effettua con un versamento di un contributivo, per ogni anno da riscattare. L’importo si calcola in base al livello minimo imponibile annuo previsto dall’articolo 1, comma 3 della legge 233/1990 per le gestioni dei lavoratori artigiani e commercianti, che per l’anno 2019 è di 15.858 euro che va moltiplicato per l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche dell’assicurazione generale obbligatoria, per i lavoratori dipendenti vigente nell’anno di presentazione della domanda.

In conclusione il riscatto di un anno di laurea costa 5.233,14 euro nel 2019. Quindi una cifra fissa, valida per tutti i destinatari della disposizione. Quindi un sicuramente una novità vantaggiosa.

Riscatto laura con il criterio attuale

Ricordiamo che oggi con il sistema contributivo si possono riscattare i periodi di laurea pagando un onere in base delle retribuzioni percepite nelle ultime 52 settimane di lavoro, moltiplicando tale retribuzione per l’aliquota di computo della gestione previdenziale, presso cui si esercita il riscatto (art. 2, co. 5 Dlgs 184/1997).

Per questo, la facoltà in questione è conveniente maggiormente per i lavoratori che nelle ultime 52 settimane hanno percepito delle retribuzioni superiori a 15.858 euro l’anno. Senza la norma attuale andrebbero sicuramente a versare un onere economico superiore.

Vantaggi anche per chi percepisce una retribuzione bassa?

Invece tale provvedimento non porta vantaggi a chi percepisce una retribuzione bassa o che è iscritto a gestioni previdenziali con aliquote contributive inferiori al 33%. Ad esempio un commerciante che percepisce un reddito annuo di 15.858€, con le norme attuali può riscattare la laurea pagando 3.805,92 euro, grazie all’aliquota contributiva nella gestione inferiore, rispetto a quella dei dipendenti, cioè pari al 24%. Anche per un professionista con partita iva iscritto alla gestione separata dell’Inps, avendo un reddito di 20mila euro paga un onere di 5mila euro per riscattare un anno di laurea. In questi casi le norme in vigore consentono di pagare un onere inferiore a quella stabilita dal DL 4/2019.

A questo punto si lascia libera scelta al lavoratore di quale criterio utilizzare per riscattare gli anni di laurea: quello agevolato o quello del criterio tradizionale. Tenendo ben presente che meno si versa e meno effetto si avrà sulla misura della pensione finale.

Riscatto laurea fino ad un massimo di 5 anni, con agevolazioni al 50%

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.