Riscatto laurea quando: appena si inizia il lavoro o prima di accedere alla pensione?

Riscatto laurea conviene maggiormente ad inizio carriera o prima del pensionamento? Vediamo le condizioni in entrambi i casi.

Il riscatto della laurea e degli anni di studio universitario, permette di valorizzare il periodo dedicato agli studi ai fini pensionistici. Ovviamente il costo, se si esclude la possibilità del riscatto agevolato, varia in base all’età, alla posizione lavorativa, ai contributi, al sesso e alla retribuzione. Vediamo di capire quando conviene richiederlo e perchè.

Riscatto laurea quando?

Un nostro lettore ci chiede:

Con la presente per chiedervi se il riscatto della laurea in medicina si possa fare appena si inizia il lavoro o poco prima della pensione.

Se si esclude la possibilità di riscatto agevolato della laurea, in vigore in maniera sperimentale per il triennio 2019/2021, il riscatto degli anni di studio ha un onere che varia in base a molti fattori.

Se il riscatto tradizionale conviene ad inizio carriera poichè avrebbe un onere più basso (la retribuzione, di solito ad inizio carriera è più bassa che al momento del pensionamento) è anche da tenere presente che non si può prevedere come proseguirà l’attività lavorativa nel corso del tempo e se si avrà bisogno o meno degli anni riscattati.

Altra cosa da tenere in considerazione è che se il riscatto si fa con un largo anticipo sul pensionamento è possibile rateizzare l’onere fino a 120 mensilità (10 anni). Al momento della pensione, invece, si dovrà pagare in un’unica soluzione poichè con l’accesso alla quiescenza si perde il diritto alla dilazione dei pagamenti (i contributi riscattati, infatti, essendo accreditati solo a pagamento ultimato, non verrebbero conteggiati per la pensione).

In conclusione: se desidera approfittare del riscatto agevolato deve riscattare subito i suoi anni di studio (si faccia anche conteggiare, eventualmente dal CAF la convenienza o meno del riscatto agevolato poichè a volte, ad inizio carriera conviene maggiormente il riscatto tradizionale). 

da considerare, inoltre, che i contributi riscattati ad inizio carriera (considerando che il calcolo della pensione sarà contributivo, ovvero sui contributi realmente versati) ai fini del calcolo dell’assegno pensionistico incidono meno rispetto quelli versati in età matura.

Nulla toglie, comunque che possa chiedere il riscatto a metà strada tra l’inizio del lavoro e la pensione, o in qualsiasi altro momento della vita lavorativa. Queste son tutte considerazione che deve valutare lei, io mi limito ad esporle le condizioni.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.