Riscatto servizio militare: come ottenere contributi per il servizio di leva

Riscattare il servizio militare può far ottenere contributi figurativi validi ai fini e al trattamento pensionistico.

Tutti coloro che sono nati prima del 1985 hanno svolto il servizio militare, o servizio di leva, o al suo posto il servizio civile. Ma forse non tutti sanno che quel periodo può essere utilizzato anche per fini pensionistici perchè lo Stato per quei 12 mesi riconosce contributi figurativi.

Riscattare il servizio militare

E’ possibile, su domanda, riscattare il periodo del servizio militare per determinare il diritto e la misura della pensione per tutti i nati prima del 1985 (poichè dal 2005 il servizio di leva obbligatorio è stato abolito). Con il riscatto del servizio di leva o del servizio civile si possono ottenere contributi figurativi utili ai fini pensionistici, ovvero dei contributi che vengono accreditati in maniera gratuita dall’Inps per periodi in cui il lavoratore non ha lavorato ma ha svolto attività di pubblica utilità.

Riscatto servizio di leva: come fare

Per poter riscattare il periodo di leva è necessario che il periodo stesso sia scoperto da contribuzione obbligatoria (che nessun datore di lavoro, quindi, in quei 12 mesi abbia versato dei contributi). Per poter chiedere il riscatto, inoltre, è necessario aver versato almeno 1 contributo obbligatorio (anche successivamente al servizio militare). Impossibile il riscatto per chi in vita sua non ha mai lavorato e non ha mai versato contributi (o per chi ha sempre lavorato in nero per intenderci).

I contributi figurativi dati dal riscatto del servizio di leva sono validi per

  • Pensione di vecchiaia
  • Pensione anticipata
  • Pensione di invalidità
  • Assegno ordinario di invalidità
  • Inabilità
  • Pensione ai superstiti
  • Prestazioni antitubercolari
  • Indennità di disoccupazione

Non sono, invece, validi per il diritto alle prestazioni assistenziali.

Per ottenere il riscatto è necessario presentare domanda (per la quale non esiste una data di scadenza, può essere presentata anche prima di chidere la pensione).

Quali periodi del servizio militare non possono essere riscattati?

I periodi di licenza non possono essere riscattati se sono concessi per motivi privati, ma non possono essere riscatti neanche:

  • detenzione in attesa di giudiziose seguiti da sentenza di condanna e reclusione successivi alla condanna stessa (sono pertanto accreditabili i periodi di detenzione seguiti da sentenza assolutoria);
  • licenza illimitatao straordinaria senza assegni seguita da congedo o in attesa del trattamento di cessazione dell’attività (in gergo “quiescienza”);
  • diserzione, anche se la relativa condanna sia stata in seguito soggetta ad amnistia o indulto;
  • assenza arbitraria, anche se non seguita da denuncia;
  • servizio militareprestato nelle formazioni della ex Repubblica Sociale Italiana (Repubblica di Salò), dopo l’8 settembre 1943;
  • servizio già utilizzati in altre forme di previdenza, esclusive o sostitutive dell’AGO (Assicurazione Generale Obbligatoria)

Riscatto servizio militare: chi può chiederlo?

servizio militareIn maniera gratuita il riscatto dei contributi dell’anno di leva può essere richiesto da:

  • gli iscritti all’INPS;
  • iscritti alla Gestione Artigiani e Commercianti;
  • coltivatori diretti, coloni e mezzadri;
  • gli iscritti ai Fondi speciali sostitutivi: Fondo Elettrici EL, Fondo Telefonici TT, Fondo Volo VL e Fondo Ferrovie dello Stato FS;
  • gli iscritti al Fondo di Quiescenza Poste (ex Ipost);
  • lavoratori dello spettacolo e sportivi iscritti alla Gestione Ex-Enpals;
  • gli iscritti all’Inpdap;
  • i dipendenti pubblici iscritti all’ex Inpdap;
  • gli iscritti all’INPGI (Fondo di previdenza per i giornalisti);
  • gli iscritti all’ENPAM (ossia il Fondo dei medici);
  • gli iscritti all’Enpav (veterinari);
  • gli iscritti alla Cassa previdenza Dottori Commercialisti;
  • gli iscritti alla Gestione separata dell’INPS e nei fondi speciali di previdenza gestiti dall’INPS.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.