Ritirata pasta sfoglia per ravioli e involtini Spring Home: il richiamo è dovuto a latte non dichiarato

Ritirata sfoglia per fare involtini e ravioli, il richiamo è per latte non dichiarato.

Come spesso sta accadendo ogni giorno bisogna fare attenzione alle allerte alimentari che si possono trovare in giro quando si va a fare la spesa, il prodotto in allerta è la pasta sfoglia per fare i ravioli e gli involtini della Spring Home.

Sfoglia per ravioli e involtini Spring Home richiamati, ecco le caratteristiche e lotti

Il Ministero della Salute lancia l’allarme per quanto riguarda l’allerta della sfoglia congelata per fare ravioli e involtini Spring Home, il problema riscontrato sarebbe la presenza di latte non dichiarato in etichetta.

I prodotti interessati del richiamo hanno tutti lo stesso termine di conservazione, andiamo a vedere le loro caratteristiche e i loro lotti:

  • FTYJ01 in confezione da 30 sfoglie, 30x550g (250 mm)
  • FTYJ02 in confezione da 40 sfoglie, 20x550g (215 mm)
  • FTYJ03 in confezione da 20 sfoglie, 40x275g (215 mm)
  • FTYJ04 in confezione da 50 sfoglie 40x400g (150 mm)
  • FTYJ05 in confezione da 50 sfoglie 40x250g (125 mm)
  • FTYJ27 in confezione da 50 sfoglie 20x550g (190 mm)

Le sfoglie oggetto del richiamo sono state prodotte da Tee Yih Jia Food Maanufacturing Pte Ltd nello stabilimento di Singapore e distribuite da Unionitrade con sede a Milano. Si prega i signori consumatori di fare molta attenzione a consumare il prodotto specialmente se siete soggetti allergici al latte o intolleranti al lattosio.

Si prega i signori consumatori di verificare se sono in possesso di questo prodotto; per i soggetti non allergici si possono usare con tranquillità, ma se invece siete allergici o intolleranti riportate lì al punto dove li avete acquistati, vi saranno cambiati o sarete rimborsati dell’intero importo, non occorre scontrino che convalida l’acquisto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp