Ritirati capperi: allerta per possibile presenza di frammenti di vetro

Richiamati capperi in vasetti di vetro prodotti in Italia e esportati in Europa, in particolare in Svezia. Possibili frammenti di vetro all’interno

In questo periodo di quarantena bisogna fare molta attenzione quando si esce e si va a fare la spesa. C’è un’allerta per quanto riguarda dei capperi venduti in vasetti di vetro e prodotti in Italia; c’è la possibilità che siano finiti, all’interno della confezioni, dei frammenti di vetro. Attenzione: il prodotto è stato ritirato dal commercio in tutta Europa, ma non in Italia.

Capperi ritirati per possibile presenza di frammenti di vetro: ecco il lotto

L’UE ha attivato un avviso di sicurezza e un’allerta per delle confezioni di capperi venduti in vasetti di vetro, potrebbero contenere dei frammenti di vetro. Questo prodotto è un alimentare italiano che viene esportato e, di conseguenza, è scattato il richiamo immediato da parte del distributore.

Questo prodotto è proveniente dall’Italia e viene esportato in tutta Europa, in particolare in Svezia; l’avviso e l’allerta sono state segnalate sul sito web del sistema di allarme di sicurezza e anche da un comunicato stampa.

Il problema del comunicato è che non c’è alcun riferimento nè del distributore nè del produttore. L’azienda produttrice, la Di Luca & Di Luca, ha proceduto al richiamo dei suoi prodotti in allerta Zeta Capris Small, la confezione da 100 grammi di capperi con la data di scadenza del 31 gennaio 2023, il numero di lotto è LE 007.

In misura precauzionale per una possibile presenza di vetro, l’intero lotto è stato richiamato e ritirato.

Per tutti i consumatori che sono in possesso di questo prodotto, si prega di controllare lotto e scadenza e accertarsi che non corrispondano al lotto incriminato. Nel caso il lotto dovesse corrispondere, la prima cosa da fare è non consumarlo.

Il prodotto in oggetto si può riportare dove è stato acquistato e farselo sostituire, o meglio ancora farsi rimborsare l’intera cifra che è stato pagato, non è necessario lo scontrino che ne attesti l’acquisto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp