Ritirati dalla vendita farmaci a base di Ulipristal

Stop alla vendita di farmaci a base di Ulipristal acetato.

L’AIFA procede a bloccare la vendita dei farmaci a base di Ulipristal acetato per i fibromi uterini: bisogna fare attenzione a non farlo usare a nessuna nuova paziente.

L’AIFA ritira dalla vendita i farmaci a base di Ulipristal

L’Agenzia Europea per i medicinali ha emanato un comunicato con il numero 121879 del 13-03-2020 e rilanciato dall’AIFA il 17-03-2020, con il quale è stata fatta una comunicazione per avvisare i pazienti di interrompere l’assunzione di ulipristal acetato da 5 mg, indicato per fibromi uterini. Al momento la revisione per la sicurezza è in corso.

Il comunicato raccomanda che nessuna nuova paziente deve iniziare il trattamento, in quanto c’è stato un recente caso di danno epatico per una paziente che usava il farmaco, portando addirittura al trapianto del fegato.

Purtroppo una recente revisione non prevedeva un danno così grave per questo trattamento. Per questo motivo è in piena verifica con una nuova revisione. Dal 2012 si sono verificati solo 5 casi del genere. Questo medicinale è usato anche come contraccettivo di emergenza.

La ditta Gedeon Richter Italia si è vista costretta, in forma cautelativa, a sospendere il medicinale esattamente corrispondente a Esmya 28 cpr da 5 mg AIC 042227013

Si raccomanda ai signori consumatori di fare molta attenzione a non usare il prodotto. Nel caso in cui ne siate in possesso potete riportarlo dove lo avete acquistato e farvelo sostituire con un altro farmaco o farvi rimborsare l’intera cifra, non necessita dello scontrino che convalida l’acquisto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp