Ritirato dalla vendita olio dagli scaffali dei supermercati: contiene sostanze cancerogene

Olio ritirato dal mercato, contiene sostanze cancerogene.

La comunicazione viene fatta dal RASFF, l’olio protagonista dell’allerta è stato ritirato dalla vendita, ma purtroppo molti di questi prodotti sono già stati venduti e si trovano nelle case dei consumatori, il rischio è la presenza di sostanze cancerogene.

Vediamo le caratteristiche del prodotto e il numero di lotto

Come detto prima il RASFF ha diffuso un allarme per presenza di olio di sesamo commercializzato anche in Italia che non solo può provocare un inquinamento ambientale ma presenta anche un rischio per i consumatori per la presenza molto alta di pirene, idrocarburi policiclici e benzo.

Il prodotto in questione è l’olio di sesamo tostato, la confezione da 150 ml, 360 ml e la confezione da 5 litri, a marchio OH AIK GUAN, il suo numero di lotto è quello della scadenza 22 febbraio 2022.

Il prodotto è stato ritirato dai punti vendita di alcuni supermercati, dove i prodotti sono stati già venduti e si trovano nelle case dei consumatori. I rischi possono essere associati agli IPA, e il loro effetto mutageno e cancerogeno.

Il RASFF ha tenuto a precisare che l’olio di semi in allerta proviene da Singapore ma è commercializzato e venduto in Italia e in molti altri paesi d’ Europa. Si consiglia i consumatori di leggere e fare molto attenzione alle etichette e individuare così eventuali pericoli che si possono nascondere dietro degli alimenti.

Il Ministero della Salute lancia due avvisi: il primo ai ristoratori e li prega di segnalare un eventuale commercializzazione del prodotto e di fare attenzione a non usarlo direttamente. Poi il consiglio ai privati, ma vale anche per i ristoratori, di verificare se sono in possesso del prodotto in allerta e di riportarlo al punto vendita dove è stato acquistato, vi verrà restituito con un prodotto buono o vi sarà rimborsata l’intera cifra, non occorre lo scontrino dell’avvenuto acquisto.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp