Ritorno in classe: la Ministra chiede un ulteriore miliardo per la riapertura

Per il ritorno in classe degli studenti, la Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina punta ad ottenere un miliardo di euro di stanziamento. Il denaro è necessario per la riapertura in sicurezza degli studenti e per dare delle risposte alla questione degli organici.

Ritorno in classe: arriveranno 1,3 miliardi previsti come scostamento dal bilancio statale. La Ministra si riferisce, a proposito di ciò, come ad una misura necessaria in primis per la ripresa in sicurezza delle attività didattiche; poi, si tratta di una manovra necessaria per risolvere tutte le questioni legate all’organico.

Ritorno in classe: per settembre disponibili 2,9 miliardi

Per il ritorno in classe, la somma totale stanziata a settembre sarà quindi di 2,9 miliardi. Si tratta di una cifra che, con molta probabilità, permetterà di apportare notevoli migliorie al sistema scolastico, anche in vista degli effetti negativi provocati dal Covid-19. Per arrivare a questa soluzione, la Ministra ha ascoltato le esigenze di ogni regione, in modo da captare tutte le criticità presenti in ambito strettamente territoriale.

“Si sta lavorando tutti insieme, senza colori politici, essendo la scuola un bene prezioso sul quale non si può fare campagna elettorale”, sono le parole della Ministra.

Ritorno in classe: parte della manovra dei 25 miliardi è destinata alla scuola

Nel mese di Agosto, il Governo italiano sarà in procinto di varare una misura di ben 25 miliardi; parte di questi, sono destinati anche al ritorno in classe. La manovra riguarda la richiesta di un deficit aggiuntivo; in conseguenza di ciò, l’’indebitamento netto passerà dal 10,4% all’11,9%. Per il debito, invece, si passerà dal 155,7% al 157,6%.

In realtà, si tratta di ben cinque miliardi in più rispetto alla cifra preventivamente immaginata, resasi però necessaria per le problematiche che il settore scolastico, ed il ritorno a scuola in particolare, ha dovuto affrontare. Tuttavia, il tempo stringe, ed il ritorno in classe degli studenti è previsto tra poco più di un mese.

La Ministra Azzolina si dice convinta sulla sufficienza delle misure varate:

“”Avevo chiesto e ottenuto un altro miliardo per settembre nel prossimo scostamento di bilancio. Il governo si è appena impegnato a stanziare altri 300 milioni. Facciamo il conto? Prima 1,6 miliardi, ora 1,3: siamo a quasi 3 miliardi solo per settembre. Con le risorse messe da inizio anno arriviamo a 6. Potenzieremo l’organico, docenti e personale Ata. Ribadisco: alla riapertura ci faremo trovare pronti”.

Sono queste le parole della Ministra. Si tratta di misure non indifferenti, molto ovviamente. Certo, il particolare momento storico vissuto dal nostro Paese, li ha richiesti tutti. Qualche polemica anche da parte dei sindacati sulle linee guida adottate in materia di sicurezza, per il ritorno in classe degli studenti. Non resta che attendere l’evolversi della questione.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!