Rivolta migranti, incendio al centro di accoglienza a Torre Maura

Incendio al centro di accoglienza a Torre Maura durante una rivolta.

Nel centro d’accoglienza a Torre Maura c’è stata una rivolta dei migranti, che ha generato anche un incendio; il rogo ha interessato il terzo piano dello stabile. Le tensioni che hanno dato origine alla rivolta si sono avute già dal pomeriggio, i motivi della protesta non sono ancora del tutto chiari.

Incendio al centro di accoglienza a Torre Maura per una rivolta di migranti

Un incendio è scoppiato in una zona di Roma, precisamente Torre Maura, in un centro di accoglienza che già da tempo ospita dei migranti in quarantena, che, nonostante l’incendio in atto, hanno continuato la rivolta all’interno dello stabile, minacciando di non voler uscire.

Il motivo è molto vago: giorni fa alcune persone che si trovano nello stabile sono risultate positive al Coronavirus, nonostante fossero già in vigore da tempo le norme di quarantena.

Sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco, che si sono trovati in difficoltà non sapendo effettivamente la situazione all’interno per quanto riguarda la situazione del Covid-19. In aiuto dei Vigili del Fuoco sono arrivate anche la Polizia di Stato e la Polizia Locale.

In una dichiarazione il presidente del Comitato inquilini di Isveur dice: “Non sappiamo bene cosa sia accaduto, forse gli ospiti del centro hanno assorbito la tensione che c’è stata intorno a loro questi giorni e sono esasperati per l’isolamento. Finora non si hanno notizie di feriti di migranti e di lavoratori appartenenti alla struttura. I pompieri sono subito intervenuti e hanno spento l’incendio, impedendo al rogo di generare una catastrofe”.

Le tensioni c’erano state già nel pomeriggio, infatti si era fatto sostare un celere all’esterno dello stabile; i motivi ancora non si conoscono. Il fuoco sarebbe stato appiccato al terzo piano, per ora non si hanno notizie di feriti o intossicati.

L’unico motivo che ha potuto scatenare questa situazionepuò essere che, nei giorni scorsi, si è avuta la notizia di alcuni migranti risultati positivi al Coronavirus. Gli infetti sono rimasti nella struttura super affollata e lo stabile messo in isolamento; così alcuni appartenenti alla struttura avevano reclamato.

Anche alcuni residenti del posto erano scesi in strada per protesta e avevano scagliato delle pietre contro i migranti, non essendo d’accordo riguardo la loro permanenza.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp