Rossi: dovrò decidere il mio futuro in MotoGP prima di correre nel 2020

Valentino Rossi ha dichiarato che dovrà decidere il suo futuro in MotoGP prima dell’inizio della stagione 2020

Valentino Rossi ha rivisto il suo piano per decidere il suo futuro in MotoGP mentre ammette che dovrà valutare se continuare nel 2021 prima che le gare possano iniziare quest’anno. Il nove volte campione del mondo voleva valutare sia i suoi livelli competitivi sia quelli della Yamaha contro i suoi rivali della MotoGP nelle prime cinque o sei gare di apertura prima di fare un appello al suo futuro. A Rossi è già stata offerta una moto con specifiche di fabbrica nella squadra satellitare Petronas Yamaha per il 2021 con Fabio Quartararo pronto a sostituirlo al team Yamaha ufficiale. Ma con la stagione 2020 della MotoGP ritardata indefinitamente a causa della pandemia di coronavirus, i piani di Rossi sono stati sospesi in attesa che le corse riprendessero.

Valentino Rossi ha dichiarato che dovrà decidere il suo futuro in MotoGP prima dell’inizio della stagione 2020

Parlando in un video di domande e risposte Yamaha, Rossi afferma che ora prenderà una decisione sul suo futuro prima di correre nel 2020 e si sta impegnando per continuare in modo da non ritirarsi dopo una stagione anomala come quella del 2020. “Penso che dovrò decidere prima di correre perché nella situazione più ottimistica potremo correre nella seconda metà della stagione, quindi intorno ad agosto o settembre, se tutto va bene.”

“Ma prima devo prendere la mia decisione. Voglio continuare ma devo prendere una decisione senza gare. Non è il modo migliore per fermarsi perché la situazione è che forse non gareggeremo anche nel 2020. È più giusto fare un altro campionato e magari fermarci alla fine del prossimo. Spero di continuare nel 2021. ” Nonostante i suoi sentimenti lo spingano a proseguire il prossimo anno, Rossi preferirebbe comunque avere una manciata di gare di MotoGP prima di effettuare un’ultima chiamata per capire quanto successo hanno avuto gli aggiornamenti della Yamaha M1 e quale impatto hanno avuto le modifiche al suo team, compresa l’influenza del nuovo capo dell’equipaggio David Munoz.

Allo stato attuale, la stagione 2020 della MotoGP inizierà al Sachsenring il 21 giugno, ma il round tedesco rimane in dubbio, insieme alle successive gare nei Paesi Bassi e al nuovo evento in Finlandia, a causa delle restrizioni sugli eventi pubblici nei rispettivi paesi. La MotoGP deve ancora confermare ufficialmente annullamenti o rinvii per Sachsenring, l’Assen o il KymiRing, ma al momento si ritiene che stia puntando a disputare circa dieci gare in questa stagione, la maggior parte se non tutte a porte chiuse.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Valentino Rossi rivela di essere stato ad un passo dalla Ferrari


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp