Rottamazione debiti: scadenze entro il 13 e 23 novembre

Si dà il via alla definizione agevolata degli atti non impugnati e gli accertamenti con adesione. Ecco le date di scadenza

In questi giorni sono previste le prime scadenze per la pace fiscale 2018, quindi si dà il via alla definizione agevolata degli atti non impugnati e gli accertamenti con adesione.

Il D.lgs 119/2018, detto anche Decreto Fiscale collegato alla Legge di stabilità 2019, con le prime scadenze del 13 e 23 novembre c’è la possibilità di procedere alla definizione agevolata degli atti non impugnati e gli accertamenti con adesione.

Rottamazione: Atti rottamabili

L’articolo 2 del Decreto Fiscale stabilisce quali atti, notificati entro il 24 ottobre 2018 possono essere definiti, essi sono:

  • gli avvisi di accertamento;
  • gli avvisi di rettifica;
  • gli avvisi di liquidazione;
  • gli atti di recupero.

Tali atti per godere, quindi della definizione agevolata devono essere ancora impugnabili entro il 23/11/2018, cioè non devono ancora scadere i termini per l’impugnazione.

La definizione prevede il pagamento delle sole imposte, senza sanzioni, interessi ed eventuali oneri accessori entro 30 giorni dal 24 ottobre 2018 o comunque entro il termine utile per proporre il ricorso.

Anche gli inviti al contraddittorio possono essere definiti se notificati entro il 24 ottobre 2018.

Pace fiscale: ora è legge, scopriamo come saranno calcolate le quote

Rottamazione: Accertamenti con adesione

Per gli accertamenti con adesione, definiti entro il 24 ottobre, devono essere definiti entro 20 giorni dalla suddetta data, di conseguenza entro il 13 novembre versando solo le imposte.

Rateazione e compensazione

La rottamazione si perfeziona con il versamento delle somme in un’unica rata, ma vi è anche la possibilità di poter rateizzare con un massimo di 20 rate trimestrali, quindi pagando la prima rata nelle date previste.

Chiariamo che il contribuente non ha la possibilità di poter utilizzare nessun credito in compensazione.

Per chiarire il concetto al contribuente, facciamo un esempio pratico: se il contribuente riceve un Atto notificato entro il 10 novembre, per poter presentare ricorso ha tempo 60 giorni, quindi i tempi più favorevole per poter procedere alla rottamazione è il 9 gennaio.

Se invece il contribuente ha ricevuto l’invito al contraddittorio entro il 24 ottobre allora l’ultima data utile per aderire alla rottamazione è il 23 novembre.

Rottamazione ter la domanda entro il 30 aprile 2019, tutte le novità

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.