Rottamazione-ter: procedura di adesione tramite lo smartphone. Ecco la guida

Una novità per aderire alla rottamazione ter, da oggi nessuna fila allo sportello grazie al servizio “Fai D.A. te”. Ecco la guida completa

Una novità per aderire alla rottamazione ter: da oggi nessuna fila allo sportello grazie al servizio “Fai D.A. te” istituito dall’Agenzia delle Entrate.

L’Agenzia delle Entrate Riscossione il 21 dicembre ha presentato il servizio “Fai D.A. te” con cui si può aderire alla rottamazione ter delle cartelle online e anche utilizzando lo smartphone.

Rottamazione-ter:  il “Fai D.A. te”

La legge ha stabilito che entro il 30 aprile 2019 c’è la possibilità di aderire alla rottamazione.

Il contribuente che aderisce a tale rottamazione potrà pagare in forma agevolata, cioè senza pagare le sanzioni e gli interessi di mora, per i debiti affidati alla riscossione nel periodo 2000-2017. Invece per le multe stradali non si pagano gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

Rottamazione-ter: procedura per presentare la domanda da smartphone

Il contribuente tramite questo nuovo servizio potrà procedere a presentare la domanda per la rottamazione anche da casa, tramite un pc, uno smartphone o un tablet. Basti entrare sul sito dell’Agenzia delle Entrate e dall’area libera trasmettere il documento di riconoscimento, non c’è bisogna di nessun Pin o password. In seguito si accede alla pagina “Definizione agevolata” e cliccando sull’apposito link e si procede ad inviare la richiesta con cui si riceve via email il “prospetto informativo”, cioè l’elenco delle cartelle e avvisi di pagamento da rottamare e l’importo dovuto già scalato dalle sanzioni e dagli interessi di mora.

Il contribuente a questo punto dovrà compilare il modello DA-2018, quindi la domanda per “rottamare” le cartelle e gli avvisi che riguardano il periodo che va dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Bisogna trasmettere i seguenti dati:

  • dati anagrafici;
  • dati di domiciliazione;
  • dati di contatto, come indirizzo email dove si riceverà la convalida della richiesta;
  • allegare i documenti di riconoscimento (documento di identità e dichiarazione sostitutiva attestante la qualifica del dichiarante).

Bisognerà anche indicare il metodo di pagamento scelto, scegliendo tra i seguenti metodi:

  • in un’unica soluzione;
  • al massimo in 5 anni con 18 rate, le prime due in scadenza nel 2019 nel mese di luglio e novembre e quattro rate nel mese di febbraio, maggio, luglio e novembre per gli anni che vanno  dal 2020 al 2023.

Rottamazione ter in due modalità di pagamento, le ultime novità


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.