Saldo e stralcio: rate troppo alte, possibile la dilazione più lunga?

Rate Rottamazione più Saldo e stralcio, rate troppo alte e difficoltà nei pagamenti, è possibile una dilazione più lunga? Analizziamo la normativa.

Il saldo e stralcio è stato introdotto con il D.L. 145/2018, ha permesso a molti contribuenti in contribuenti in grave difficoltà economica comprovata, di pagare i debiti con il Fisco riducendo le somme dovute. I carichi che sono entrati nell’agevolazioni sono quelli affidati all’Agenzia Entrate Riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.  Il saldo e stralcio prevede che il pagamento possa essere effettuato in un’unica soluzione o in 5 rate. Non tutti i contribuenti dopo aver aderito, riesco a rispettare i pagamenti. Analizziamo il quesito di un nostro lettore.

Saldo stralcio e rateizzazione del debito

1) Buongiorno, ho aderito alla rottamazione ter e saldo e stralcio, siccome le rate nel loro complesso (somma delle due) sono troppo alte, si può chiedere una dilazione più lunga e sostenibile? Ho pagato le prime rate regolarmente. Grazie

2) Buongiorno, ho aderito alla pace fiscale e ho pagato la prima rata anche abbastanza alta, ora avendo anche una rata di 200 euro per un vecchio finanziamento. Potrei chiedere rate più piccole per pace fiscale. Grazie 

Prima di addentrarci nella risposta unica per entrambi i quesiti, evidenziamo le cinque rate previste nel saldo e stralcio.

Le cinque rate di pagamento con scadenza

Le rate della misura si dividono con le seguenti percentuali di debito e con le seguenti scadenze:

In un’unica soluzione entro il 30 novembre, poiché capita di sabato, la scadenza slitta al 2 dicembre 2019;
pagamento in cinque rate così suddivise:

  • rata del 35% con scadenza il 02 dicembre 2019;
  • rata del 20% con scadenza il 31 marzo 2020;
  • rata del 15% con scadenza il 31 luglio 2020;
  • rata del 15% con scadenza il 31 marzo 2021;
  • il restante 15% con scadenza il 31 luglio 2021.

Saldo e stralcio e Rottamazione ter: possibile una rateizzazione più lunga?

Purtroppo, non è possibile allungare le rate del saldo e stralcio. La normativa prevede questo tipo di rateizzazione al fronte della riduzione del debito da versare all’Agenzia delle Entrate di Riscossione. Lo stesso discorso vale anche per la Rottamazione ter, 

Ricordiamo, che se non si pagano le rate nella scadenza prevista (tolleranza di 5 giorni), si perdono i benefici e l’Agenzia delle Entrate Riscossione procederà al recupero dell’intero debito con aggravio di interessi e sanzioni. Inoltre, se si decade dal beneficio, non è possibile aderire a nessuna dilazione di pagamento.

Rottamazione cartelle esattoriali con contributi Inps, quali sono i tempi di accredito


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”