3 pazienti paraplegici riescono a camminare grazie ad un impianto, scoperta rivoluzionaria

-
03/11/2018

Un nuovo protocollo di riabilitazione da nuove speranze ai pazienti paraplegici, ecco di cosa si tratta

3 pazienti paraplegici riescono a camminare grazie ad un impianto, scoperta rivoluzionaria

Si tratta di 3 persone che erano rimasti gravemente ferite al midollo spinale diversi anni fa. Buone notizie per pazienti paraplegici, un nuovo protocollo di riabilitazione, realizzato in Svizzera ha permesso a ben tre pazienti. I pazienti erano ormai costretti a rimanere nella sedia a rotelle, grazie al nuovo protocollo è stato possibile iniziare di nuovo a camminare

Pazienti paraplegici hanno ripreso a camminare

Le tre persone in questione erano rimaste ferite gravemente al midollo spinale tanti anni fa. II protocollo di riabilitazione di cui hanno beneficiato i pazienti, in poche parole combina la stimolazione elettrica mirata del midollo spinale lombare e il trattamento di sostegno del peso corporeo.

Leggi anche: I giovani pazienti con carcinoma mammario con geni BRCA difettosi hanno le stesse possibilità di sopravvivenza di quelli senza.

nuove speranze per i paraplegiciGrégoire Courtine, neuroscienziato presso il Politecnico di Losanna, e Jocelyne Bloch, appartenente al Centro ospedaliero universitario vodese, sono riusciti a dimostrare che dopo alcuni mesi di riabilitazione, le tre persone, potevano finalmente controllare il movimento dei muscoli delle gambe. I ricercatori, sostengono che le gambe dei pazienti, fino a quel momento erano rimaste paralizzate. Grégoire Courtine, ha dichiarato: “I nostri risultati sono basati su una conoscenza approfondita dei meccanismi alla base del movimento che abbiamo acquisito nel corso di molti anni di ricerca su modelli animali. Ora conosciamo meglio le regioni da sollecitare con la stimolazione elettrica”. La ricercatrice Jocelyne Bloch aggiunge: “La stimolazione dovrebbe essere precisa come un orologio svizzero. Configurazioni specifiche di elettrodi attivano aree precise del midollo spinale riproducendo i segnali che il cervello attiva per il movimento”.

Leggi anche: I pazienti sieropositivi in terapia antivirale non possono trasmettere l’HIV, arriva la conferma

Giovanni D’Agata, il presidente dello “Sportello dei Diritti”, afferma che il nuovo protocollo, apre nuove possibilità di guarigione, ottimo per la cura della paralisi. Senza dubbio, non dobbiamo aspettarsi a risultati miracolosi, ma è comunque un passo avanti molto importante. Il recente studio è stato pubblicato su Nature e Nature Neuroscience.