Allarme antidolorifici: possono causare rischi di infarto

-
05/12/2019

Fate molta attenzione agli antidolorifici, la loro assunzione può far aumentare i rischi di infarto.

Allarme antidolorifici: possono causare rischi di infarto

Un nuovo studio ci apre la mente sull’assunzione degli antidolorifici, i loro effetti collaterali sembrano che possano portare a causare fino all’infarto. Il problema che sono facilmente accessibili si possono comprare e prendere senza nessuna prescrizione medica.

Gli antidolorifici possono portare a rischi gravi per la nostra salute, fino all’infarto

Purtroppo gli antidolorifici ci servono molto per alleviare dai dolori fisici, la media nel mondo ci dice che siamo abituati a prenderne uno al giorno. I più popolari antidolorifici e antinfiammatori non steroidi come ibuprofene e aspirina hanno una grossa capacità e potenza di trattare l’infiammazione.

Lo studio fatto ha preso in considerazione 446mila soggetti ai quali è stato fatto assumere questo tipo di farmaco un giorno a settimana, e da qui è scaturito il drammatico risultato che questi medicinali possono generare rischi di infarto. Per quanto riguarda l’ibuprofene può causare un rischio di infarto del miocardio pari al 48% e in più rappresenta un grosso rischio per gli uomini, può causare una diminuzione della fertilità ai maschi. La cosa che fa molto pensare che se si alza il dosaggio di questi antinfiammatori maggiori sono i rischi che si corrono.

Altri effetti collaterali che vengono associati agli antidolorifici non steroidi e che mai andremo a pensare, possono essere gravi sanguinamento gastrointestinali e un possibile pericolo di incorrere in ulcere, oltre a provocare danni possibili anche ai reni.

Si può capire che a volte i vari dolori che si presentano a volte ci inducono per forza a fare uso degli antidolorifici, citiamo alcuni dolori che non ne possiamo fare a meno, tipo un mal di testa molto forte e affrontare una giornata a lavoro o su un auto ci spinge a farne uso, un mal di denti, un dolore alla schiena.

Quello che dovremmo fare, che è facile a dirlo ma non a farlo, dovremmo avere un migliore stile di vita migliorando l’alimentazione e riducendo lo stress.


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

Allerta alimentari e ritiro farmaci: yogurt, bresaola, gorgonzola, cozze, prodotti da forno, cotechino, Aciclin, uvetta, Ranitidina Zentiva