Allarme influenza suina, 42 vittime da ottobre scorso, ecco cosa sta succedendo

L’influenza suina continua a colpire ancora, tantissimi decessi dal mese d’ottobre scorso, ecco cosa succede

L’influenza suina, cioè il virus dell’influenza H1N1, da ottobre scorso ha ucciso 42 persone in California. Le persone a rischio sono soprattutto gli anziani, i bambini e le donne in gravidanza, ma vediamo insieme i danni che ha provocato questo orribile virus.

Virus dell’influenza H1N1, epidemie nel mondo intero

Gli esperti affermano che il miglior rimedio in assoluto è senza dubbio il vaccino, troppe persone morte a causa dell’influenza H1N1, si deve intervenire d’urgenza in qualche modo.

I decessi sono iniziati già dal mese di ottobre scorso, quando solitamente è proprio il mese quando il virus viene diffuso con velocità, toccando il picco massimo nel mese di febbraio. Paura e preoccupazione soprattutto tra gli anziani, donne incinte e bambini, perché sono proprio loro ad essere predisposti alla contrazione del virus, ed in seguito possono avere serie complicazioni, come ad esempio la polmonite.

Le statistiche parlano chiaro: più della metà delle persone che hanno contratto il virus H1N1 in California avevano più di 65 anni d’età. Inoltre ricordiamo il caso del piccolo Robert in Inghilterra colpito dal virus, il giovane si trova tuttora in coma farmacologico dal giorno di Natale. Forte la disperazione della madre per il 14 enne anche se sopravviverà rimarrà con forti danni al cervello.

77% dei casi di influenza finora hanno testato positivamente l’H1N1

Secondo il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, il virus diventa più aggressivo e pericoloso quando si tratta di donne in gravidanza, bambini e anziani, spiega il medico Jeffrey Gunzenhauser, al Los Angeles County.

In seguito, il medico aggiunge: ‘’Finora in questa stagione, sono morte di influenza ben 10 persone nella sola Contea di Los Angeles. A livello nazionale, sono già state segnalate due morti di influenza di alto profilo nel corso di questa stagione. Il 24 dicembre, un ragazzo di 8 anni che era detenuto in custodia nel Nuovo Messico dopo essere stato catturato presso il confine con gli Stati Uniti è morto di influenza. Più tardi quella stessa settimana, Bre Payton, uno scrittore di 26 anni per una rivista online federalista, è morto di encefalite causata dall’influenza, secondo il suo datore di lavoro ’’.

Il’H1N1 tende ad essere un ceppo meno pericolosi spiega Gunzenhauser, invitando inoltre la popolazione di effettuare il vaccino. “Vogliamo incoraggiare chiunque a vaccinarsi. In questo momento siamo in anticipo stiamo iniziando a vedere risultati positivi.”

È stato confermato che il vaccino impedisce la contrazione dell’influenza nelle donne incinte del 40% in più viene protetto anche il feto.

 

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.