Allarme sepsi in Italia: uccide più dell’HIV

-
19/09/2019

In Italia c’è un allarme sepsi, uccide 10 volte di più dei malati di HIV, 4 volte più dei malati di tumore, 5 volte in più per chi ha un’ictus, 10 volte per chi ha un infarto

Allarme sepsi in Italia: uccide più dell’HIV

In Italia c’è un allarme sepsi, uccide 10 volte di più dei malati di HIV, 4 volte più dei malati di tumore, 5 volte in più per chi ha un’ictus, 10 volte per chi ha un infarto. Può bastare una banale infezione per mandare in tilt il sistema immunitario mettendo in pericolo la vita, e nonostante ciò continua ad essere poco noto. La sepsi non risparmia nessun paese, è una crisi globale di salute pubblica, è una condizione in cui la risposta del corpo ad una infezione coinvolge tessuti e organi, e può portare fino alla morte al 50% dei casi. La possono scatenare infezioni banali come l’influenza a batteri e funghi.

Vediamo esattamente cosa dicono gli studiosi

Questo fenomeno è strettamente legato a quello della resistenza agli antibiotici aumentando la diffusione delle infezioni e rende la guarigione più difficile. In alcune zone del mondo, parliamo di Australia, Gran Bretagna, Usa e Brasile, sono riusciti ad abbassare del 20% la mortalità per questo fenomeno, per riuscire in questo, servono sufficienti strutture per il trattamento e la riabilitazione, così come operatori formati disponibili a questa emergenza e assistere i pazienti colpiti da sepsi.

Quali sono i fattori di rischio?

La sepsi può essere scatenata da due fattori, un’infezione di un tessuto sterile da parte di patogeni, batteri, funghi e virus, oppure un’esagerata risposta infiammatoria sistemica dell’organismo. I microorganismi più chiamati in causa negli episodi scettici sono: Esterichia coli, Klebsiella spp., Pseudomonas spp., Candida spp., stafilococchi meticillino-resistenti.


Leggi anche: Bonus affitto 2021: disponibile anche per chi paga il canone 2020 in ritardo

L’infiammazione è un’arma del nostro corpo per combattere le infezioni, nella sepsi la risposta flogistica diviene esagerata e sistemica, si propaga all’intero organismo, così da formare trombi all’interno dei vasi sanguigni. In queste condizioni, il cuore è costretto a pompare sangue in circolo con maggiore forza, mentre gli organi soffrono per il ridotto apporto di ossigeno e nutrienti.

I fattori di rischio sono per tutti, è indubbio più a rischio giovanissimi e anziani, altre cause abuso di alcol e droghe, insufficienza renale o epatica, AIDS, cancro, terapie antitumorali, accessori dentari, polmonite, infezioni urinarie, meningite, diabete, ustioni estese. A grande rischio chi si trova in terapia intensiva, molto esposte al rischio settico, e per chi viene intubato, per chi è costretto a cateteri urinari.

Epidemia HIV: appello in Europa, situazione preoccupante