Allerta alimentare torte alla frutta: vediamo i lotti

-
08/08/2019

Allerta alimentare, adesso tocca alle torte all’albicocca, alla ciliegia e ai frutti di bosco, richiamate per latte non dichiarato in etichetta: ecco i lotti

Allerta alimentare torte alla frutta: vediamo i lotti

Purtroppo ad oggi aumentano sempre di più i casi di allerta alimentare, adesso tocca alle torte all’albicocca, alla ciliegia e ai frutti di bosco, richiamate per latte non dichiarato in etichetta. Il Ministero della Salute segnala grave rischio per chi è allergico a causa di tre lotti di Crostate Le Dolci Passioni, c’è possibile presenza di allergeni non dichiarati nel prodotto. Per questo motivo è stato diffuso un avviso di richiamo dei tre lotti interessati delle crostate all’albicocca, alle ciliegie e ai frutti di bosco, in etichetta non è indicata la presenza di latte scremato in polvere.

Comunicato e lotti delle torte in oggetto

Sul comunicato pubblicato sul sito del dicastero, e precisamente sulla pagina “Allerte prodotti alimentari da parte degli operatori”, si precisa e dichiara che durante un’analisi di autocontrollo per il monitoraggio di allergeni, sono state riscontrate tracce di allergeni del latte. Le crostate oggetto del richiamo, sono state prodotte dall’azienda Nardone Produzioni Dolciarie Srl, nello stabilimento di via Cesine, 19/b a San Giorgio del Sannio, in provincia di Benevento. Vediamo i lotti interessati:

Crostata all’albicocca, lotto 71119 con scadenza 07/03/2020

Crostata alla ciliegia, lotto 62019 con scadenza 07/03/2020

Crostata ai frutti di bosco, lotto 62019 con scadenza 15/02/2019

I prodotti interessati sono tutti venduti in confezione da 180 grammi. A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza, in particolare degli allergici o a chi è intollerante al lattosio, si raccomanda i consumatori di controllare se in casa avessero questo prodotto e di controllarne i lotti. Nel caso dovessero combaciare, assolutamente di non consumarli, e di recarsi dove sono stati acquistati e farseli cambiare con un altro prodotto ma con lotto diverso, o di chiedere il rimborso dell’importo che è stato pagato.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?

Salsiccia ritirato dal commercio per possibili residui di farmaci veterinari, marca e lotti