Allerta formaggi contaminati da salmonella: marca e lotti

-
03/08/2019

Allerta formaggi in Europa, lo segnala l’ufficio federale della sicurezza alimentare svizzero, la contaminazione è da salmonella.

Allerta formaggi contaminati da salmonella: marca e lotti

C’è un’allerta formaggi in Europa a pasta molle francese, lo segnala l’ufficio federale della sicurezza alimentare svizzero, la contaminazione è da salmonella, si raccomanda a tutta la popolazione di evitare di mangiarla.

Il prodotto incriminato e i lotti

L’allerta alimentare riguarda il formaggio Roquefort, della marca francese Société, sono state trovate tracce di salmonella. I lotti in commercio hanno come numero di identificazione FR 12.203.018 CE, c’è una grande possibilità che ci sia una contaminazione biologica, ed è per questo motivo che il produttore ha deciso il ritiro del prodotto interessato da tutti i punti vendita. È stata fatta espressa richiesta dal parte del produttore ai supermercati che ne fossero in possesso, non solo di togliere il prodotto dallo scaffale, ma di apporre all’entrata del supermercato un cartello per avvisare i clienti del pericolo. Precisamente, il prodotto in oggetto è il formaggio Roquefort, la confezione è quella da 200 grammi con data di scadenza 16-12-2019, imballaggio: forma da 1/4 con data di scadenza 17-11-2019.

Allarme formaggi in tutta Europa: sintomi e conseguenze

Ci troviamo nel periodo delle vacanze, e necessariamente la segnalazione è stata diffusa in tutta Europa, quindi ciò significa che tutti i Paesi Europei ne sono al corrente e di conseguenza tutti si devono attivare a togliere il prodotto incriminato dagli scaffali. Per chi non lo sapesse, le salmonella sono batteri che causano malattie nell’uomo e negli animali. I disturbi per gli essere umani sono: gastrointestinali con febbre, vomito, diarrea e dolori addominali, tutto questo entro 6/72 ore dal consumo del prodotto.

Il consiglio per chi ha mangiato questo prodotto, è nel caso pensasse di avere uno di questi sintomi citati, di recarsi subito da un medico e farsi consigliare. Per chi invece sarebbe in possesso dei lotti citati, può recarsi dove ha acquistato il prodotto e farselo cambiare con uno uguale ma di lotto diverso, ho chiedere interamente il rimborso.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Farmaco per la pressione alta ritirato dalle farmacie: marca e lotti