Allerta frutti di bosco surgelati: il rischio è il virus dell’epatite A

-
04/11/2019

Frutti di bosco surgelati, è allerta epatite A, il virus è stato rintracciato nelle confezioni con le etichette Aldi e Raley.

Allerta frutti di bosco surgelati: il rischio è il virus dell’epatite A

Ormai ogni giorno ci imbattiamo in pericolose sorprese quando andiamo a fare la spesa, questa volta tocca ai frutti di bosco surgelati, c’è un’allerta epatite A, il virus è stato rintracciato nelle confezioni etichettati di Aldi e Raley. I casi sempre più globalizzati invitano a verificare con più attenzione ai controlli sulle filiere internazionali.

Andiamo a vedere caratteristiche del prodotto in questione

I frutti di bosco, specialmente quelli congelati e surgelati, sono sotto stretta sorveglianza per reale pericolo del virus di epatite A. Notizia di questi giorni che un’azienda della California ha ritirato dal mercato un mix di frutti di bosco, lamponi e miscele di bacche congelate distribuite al dettaglio da due catene alimentari e supermercati con le proprie etichette, precisamente Aldi e Raley.

Di tutti questi prodotti, la più pericolosa sembrerebbe la componente riguardante le bacche che provengono dal Cile, la società però si tiene fuori dichiarando che a loro non risulta nessuna malattia associata a questi prodotti. Per contro, la società Wawona ha dichiarato che sta collaborando con i negozi al dettaglio in collaborazione con i funzionari sanitari federali del richiamo.

Il problema importante è da non sottovalutare, queste bacche sono state acquistate da aziende, sia europee che italiane, che acquistando la materia prima contaminata dal Cile, è possibile che sia stata venduta direttamente o sia stata usata come ingrediente per fare altri dolci congelati.

Il Ministero della salute ha il compito di fare una corretta valutazione del rischio, mantenendo e facendo una particolare attenzione sulla sorveglianza molto pericolosa di questo virus che è l’epatite virale A, relativamente alle partite di frutti di bosco fresche, surgelate o congelate, confezionate in mix con chicchi di bacche provenienti dal Cile.


Leggi anche: Canone RAI, per chi evade multa da 600 euro e rischio carcere

Indubbiamente bisogna fare molta attenzione quando si compra il cibo proveniente da questi paesi un pò particolari, possiamo consigliare di preferire prodotti italiani fatti in Italia ed etichettati a norma con dicitura della provenienza e con sicurezza massima.

Prodotti alimentari ritirati perchè pericolosi per la salute: lista completa dalla pasta alla carne