Allerta mojito in spiaggia: è un nido di batteri, pericoloso per la salute

-
21/07/2019

Il mojito è la bevanda più venduta sulle spiagge infuocate delle estati balneari, è un cocktail alcolico formato da tante varianti di rum…

Allerta mojito in spiaggia: è un nido di batteri, pericoloso per la salute

Il mojito è la bevanda più venduta sulle spiagge infuocate delle estati balneari, è un cocktail alcolico formato da tante varianti di rum, zucchero di canna, succo di limetta, foglie di mentastro verde, acqua gassata e ghiaccio frantumato. E’ una moda ormai scoppiata da tempo, quella di bere alcolici quando si è in spiaggia, il suo consumo massimo si ha in estate.

Il cocktail o mojito è quello più venduto, ma si vedono tanto anche birre, vino e spumante. Dove ci sono i lidi con i bar all’interno, vengono mandati i dipendenti dei lidi stesso con vassoi che prendono ordinazioni, mentre dove ci sono le spiagge libere, pullulano di venditori ambulanti che fanno concorrenza a bar e locali a prezzi stracciati.

Mojito pieno di batteri: fate attenzione

Ma pagare di meno, economicamente può essere positivo, ma il rischio che questi cocktail siano veri e propri nidi di batteri, diventa non proprio una buona scelta.

Sono stati analizzati dei mojitos campioni, anche panini e sangria, in particolare sulla spiaggia di Barceloneta a Barcellona, in Spagna, i risultati delle analisi è stato a dir poco allarmante, nelle bevande sono state trovate addirittura batteri fecali E.coli in proporzione molto più alte di quelle consentite.

Indagine sui batteri negli alimenti venduti in spiaggia

In dettaglio, nel mojito è stato rilevato un valore di 720 coliformi, ben 72 volte superiore a quello autorizzato. Nei panini che sono stati esaminati, quello più contaminato è risultato quello con prosciutto e formaggio, il valore che è stato trovato è stato assurdo, un valore di 6000 coliformi contro un massimo di 1000 consentito.

Questa indagine fa molto riflettere per quanto riguarda gli acquisti di alcolici dai venditori ambulanti. Purtroppo i giovani sono quelli più esposti, visto che per risparmiare vanno sulle spiagge libere e di conseguenza di questi venditori ambulanti ne vedono tanti, e risparmiando acquistano da loro senza rendersi conto dei rischi che possono correre, non considerano la situazione igienica.

Quello che possiamo dire ai giovani, e un pò a tutti quelli che hanno l’abitudine di consumare cibo e bevande in spiaggia, di fare molta attenzione, di bere e mangiare un pò in meno, ma di fornirsi nei locali e bar che possano garantire sicurezza e igiene migliore rispetto agli ambulanti.