Allerta pangasio: alti livelli di clorato

-
15/11/2019

Allerta alimentare nel pangasio “Golden Seafood”, presenza di clorato, sconsigliato ai bambini.

Allerta pangasio: alti livelli di clorato

C’è un’allerta nel pangasio, sono stati riscontrati livelli di clorato, assolutamente sconsigliato ai bambini, lo segnala l’ufficio federale della sicurezza tedesco, stiamo parlando dei filetti di pangasio della “Golden Seafood”, sono venduti nella catena dei supermercati Aldi.

Allerta pangasio:  le caratteristiche e il numero di lotto

Il pangasio è uno dei pesci congelati più consumati in quanto è uno dei più economici sul mercato, ottimo come sapore non presenta né pelle né spine, ha un basso contenuto proteico ma ha un’alta concentrazione di clorato. L’allerta ci arriva dalla Germania, la segnalazione è stata lanciata dal sistema di allerta rapido per gli alimenti e i mangimi europeo, che ha valutato il rischio per la salute molto serio.

Il prodotto specifico è il filetto di pangasio “Golden Seafood”, la confezione è quella da 475 grammi con la scadenza 06-03-2021, il numero di lotto è VN 126 VIO17, venduto nella catena dei supermercati Alvi. Nelle analisi di autocontrollo dell’azienda stessa è stata riscontrata la presenza di grosse quantità di clorato. Le conseguenza dell’assunzione di clorato sono l’aumento della pressione sanguigna, c’è un aumento della glicemia, si possono avere dolori forti allo stomaco, vomito, bruciore e gonfiore alla bocca e alla gola, problemi respiratori e accumuli di fluidi nei polmoni.

Si raccomanda di fare molta attenzione, nel caso ne siete in possesso, di fare attenzione e non consumare il prodotto in questione, in particolare fate attenzione a non farlo assumere i bambini. Nel caso ne siete in possesso riportatelo dove lo avete acquistato vi sarà cambiato con un prodotto buono oppure restituitelo e fatevi rimborsare l’intero importo che lo avete pagato, non necessita di scontrino fiscale che attesti l’acquisto.


Leggi anche: Laurea abilitante 2021 senza esame di Stato: come funziona la nuova riforma

I fogli di alluminio vietati dai medici: ecco il perché