Allerta pizza refrigerata: particelle di plastica bianca

-
12/09/2019

C’è una allerta di richiamo proviene dalla Germania, ci colpisce indirettamente in quanto nelle vacanze molti italiani saranno andati in Germania

Allerta pizza refrigerata: particelle di plastica bianca

C’è un allerta di richiamo che non ci riguarda direttamente, proviene dalla Germania ma ci colpisce indirettamente in quanto durante le vacanze molti italiani saranno sicuramente passati per la Germania e hanno potuto ingerire il prodotto o lo hanno potuto acquistare e portarselo in Italia. L’allerta riguarda la multinazionale Dr. Oetker di cui la nostra Cameo è la consociata italiana. Ci possono essere nel prodotto in questione, piccole particelle di plastica, potrebbe provenire dai fornitori di materie prime. Non si escludono possibili problemi per la salute se il prodotto viene ingerito.

Vediamo il prodotto in questione e il lotto incriminato

La Dr. Oetker, di cui Cameo è la consociata, ha richiamato quasi un milione di prodotti refrigerati di pizza venduti in Germania che potrebbero contenere pezzetti di particella di plastica bianca che si trovano nella copertura del prodotto gastronomico.

Il richiamo è stato deciso dopo che diversi clienti hanno informato l’azienda di aver trovato la plastica negli alimenti incriminati. Il prodotto in questione è “Pizza tonno fresco al forno”, il lotto interessato è il numero 228061911 avente data di produzione 28 giugno 2019, con termine di scadenza minima di conservazione del marzo 2020.

Si consiglia ai signori consumatori, per prevenire rischi per la salute, di accertarsi nel caso avessero il prodotto in questione, e nel caso ne fossero in possesso, di riconsegnarlo al punto vendita di dove è stato acquistato, gli sarà cambiato il prodotto con un buono e gli sarà rimborsata la stessa cifra che è stato pagato. Ci raccomandiamo assolutamente di non consumarlo, si rischiano possibili gravi danni di salute.


Leggi anche: Canone Rai: come ottenere il rimborso procedura e modulo

Cartoni della pizza contaminati, pericolosi per la salute