Allerta tonno avariato in Italia, marca e lotto

-
19/09/2019

È la cronaca nazionale, la nostra quella che ci fa parlare oggi di un allarme tonno avariato per grave rischio microbiologico, il Ministero della Salute segnala il richiamo.

Allerta tonno avariato in Italia, marca e lotto

È la cronaca nazionale, la nostra quella che ci fa parlare oggi di un allarme tonno avariato per grave rischio microbiologico, il Ministero della Salute segnala il richiamo. Sono più di 200 casi di intossicazione nel nostro Paese negli ultimi mesi, il veleno che li ha intossicati viaggiava in quintali di pesce, alcuni sono stati sequestrati dalle nostre Capitanerie di porto, altri finiti sulle tavole della Puglia, Basilicata, Lazio e Veneto.

Vediamo di cosa si tratta: marca e lotto

Stiamo parlando del Trancio di tonno affumicato decongelato, lavorato e commercializzato in Italia dalla ditta Riunione Industrie Alimentari srl, e prodotto da Salazones Moti con sede nello stabilimento ad Elda in Spagna. Il lotto interessato è il numero Z1909253 nelle confezioni dal peso variabile da circa 2 chili per ogni pezzo, con termine di conservazione 29-09-2019, il motivo del richiamo è rischio microbiologico.

La pezzatura ci fa riflettere che potrebbe essere un prodotto acquistato da chi ne fa un gran uso, tipo ristoranti, pub, pizzerie, nelle case dei consumatori, al massimo si usa la scatoletta di tonno. Si chiede ai consumatori e ai gestori di questi esercizi commerciali di fare molta attenzione, gli effetti per chi mangia il prodotto possono essere gravi. Se siete in possesso del prodotto, recatevi dove lo avete acquistato, vi sarà cambiato o restituito l’intero importo che lo avete pagato.


Leggi anche: Pensioni, con i fondi integrativi fino a 10 anni di anticipo: ma il sistema fatica a decollare

L’ingestione da parte del tonno non mantenuto in condizioni idonee di conservazione, può causare la sindrome sgombroide o intossicazione da istamina. I sintomi sono: nausea, vomito, diarrea, vertigini, cefalea, rush cutaneo, disturbi respiratori; l’inizio della sintomatologia è rapida, 20/30 minuti dall’assunzione dell’alimento, e i disturbi passano in 24 ore se si capisce subito la provenienza, per la cura bastano degli antistaminici.

Allerta tonno: presenza di botulino, ecco marca e lotto