Anoressia femminile: poco conosciuto, sintomi e terapia

-
09/05/2019

L’anoressia femminile è un problema poco conosciuto che colpisce soprattutto le donne, causa e sintomi.

Anoressia femminile: poco conosciuto, sintomi e terapia

L’anoressia femminile è un problema poco conosciuto che colpisce soprattutto le donne. Andiamo a vedere quali possono essere i sintomi e le terapie da adottare. L’anoressia sessuale indica una patologia che causa il rifiuto dell’attività sessuale e non solo. Cerca di evitare qualunque contatto fisico e ha difficoltà a creare legami emotivi, mancanza di desiderio di fare l’amore, lo stimolo sessuale e la soddisfazione nel rapporto con il partner.

Anoressia femminile: causa e sintomi

Le cause dell’anoressia sessuale possono essere legate a traumi del passato, tipo violenze o problemi psicologici, insomma, traumi che il soggetto non riesce a cancellare, e quindi la mancanza di desiderio diventa un modo per esprimere il proprio disagio. Studi fatti di recente, dimostrano come anche un’educazione eccessivamente rigida e restrittiva, influenzata da ansie e paure, fanno si che si ripercuotano sulla sfera sessuale.

Purtroppo è difficile capire se si soffre di questa patologia, il disturbo è ancora poco conosciuto, e quindi fare una diagnosi non è semplice, anche perché ad oggi pochi studiosi hanno cercato di comprendere al meglio questo problema.

La prima cosa importante è capire se si è colpiti da questo fenomeno. Per uscirne, è possibile, l’importante è prendere coscienza che qualcosa non va e farsi aiutare da un esperto. Lo specialista che vi prenderà in esame, vi porterà ad affrontare un percorso cognitivo-comportamentale e con la psicoterapia, ad oggi fondamentale per questa “malattia”, vi aiuterà ad affrontare ed uscire da questa situazione.


Leggi anche: Bonus casa 2022: proroga, agevolazioni e legge di bilancio

Si tiene a precisare che l’anoressia sessuale non è legata solo al sesso, ma coinvolge anche altri ambiti legati all’affettività e alla socializzazione, al senso di vulnerabilità, la paura di creare relazioni interpersonali. Tutto questo si può’ superare, ma solo con l’ aiuto di un professionista ci sono speranze per uscirne.