Ansia e depressione invecchiano il cervello, lo dice la scienza

-
24/08/2018

Recenti studi dimostrano che la depressione e l’ansia contribuiscono all’invecchiamento del cervello. Vediamo nelo specifico di cosa si tratta.

Ansia e depressione invecchiano il cervello, lo dice la scienza

Sono tante le cause che producono l’invecchiamento del cervello: tra queste troviamo l’ansia e la depressione.

Diversi studi dimostrano che la depressione clinica e i disturbi d’ ansia, così come altre gravi condizioni, come la schizofrenia, il disturbo bipolare o anche  l’abuso di droghe, possono causare una serie di cambiamenti in aree chiave del cervello umano.

Un recente studio pubblicato su ‘’Molecular Psychiatry’’ ha dimostrato che la depressione riduce l’ippocampo. Si tratta, praticamente, dell’area del cervello responsabile della formazione di nuovi ricordi. Una riduzione dell’ippocampo porta anche ad una perdita di funzioni emotive e comportamentali.

Lo stress ha, in generale, un effetto negativo sul corpo umano. Gli specialisti hanno scoperto che lo stress fa diminuire il numero di legami nervosi, che quindi si formano sempre meno. Analizzando i tessuti cerebrali di alcuni cadaveri, si è visto che essi sono più rari nel tessuto di coloro che soffrivano di condizioni gravi di depressione.

L’ansia e la depressione incidono tantissimo sulla velocità di invecchiamento del cervello umano.

ansia e depressione nemici per il cervelloAttraverso uno studio recente, che ha coinvolto più di 71.000 persone, i ricercatori presso l’Università del Sussex hanno trovato delle correlazioni tra la depressione e l’invecchiamento del cervello. Tra queste vi sono la perdita di memoria e il deterioramento delle funzioni di esecuzione e di elaborazione delle informazioni. In seguito allo studio è stato confermato che gli anziani con evidenti segni di depressione subiscono, generalemente, un declino cognitivo più veloce.

Secondo i risultati di esperti guidati da un team della Facoltà di Medicina e Sanità Pubblica, Università del Wisconsin (USA), anche eventi stressanti risalenti ai primi anni di vita possono avere un impatto sulla salute del cervello.

Quello che gli scienziati vogliono sottolineare è che esiste una stretta relazione tra la depressione e gli stati d’ansia con i problemi di memoria. Di conseguenza i medici consigliano di non sottovalutare assolutamente i primi sintomi di problematiche del genere.

Ti potrebbe interessare:
25 curiosità che non sapevate sul cervello umano