Anziani depressi? Come bisogna intervenire

-
18/07/2019

Anziani depressi, una patologia da non sottovalutare: ecco i sintomi a cui stare attenti.

Anziani depressi? Come bisogna intervenire

Vediamo come bisogna comportarsi se ci troviamo difronte ad un anziano affetto da depressione, se poco assistiti tendono a smarrirsi. La depressione senile è un’alterazione dell’umore della persona anziana, e può variare dalla malinconia alla tristezza, può avere cause endogene o essere una conseguenza di un evento traumatico, quindi di tipo reattivo.

Fenomeno molto diffuso, colpisce fino al 15% della popolazione over 65, si può manifestare con la voglia di piangere, ad isolarsi, alla perdita di interessi, anche di cose che facevano fino a poco tempo fa.

I sintomi della depressione senile, non discosta dai pazienti più giovani, ma riconoscerli per una persona anziana, è più difficile, in quanto si tende di associare il problema al deperimento psicologico ed altre patologie fisiche e mentali dovute all’avanzare dell’età.

Ecco alcuni sintomi che caratterizzano la depressione negli anziani

1)Depressione maggiore

2)Distimia; disturbo persistente dell’umore

3)Depressione associata ai farmaci

4)Apatia

5)Sintomi ansiosi

6)Pensieri suicidi

Precisiamo che non bisogna confondere la depressione senile con la demenza senile, è un’altra patologia molto diffusa negli anziani, la quale però tende a mostrare frequenti ed evidenti disturbi di comportamento. Chi è affetto da depressione senile tende invece a minimizzare, nascondendo la propria condizione di disagio a chi lo circonda.

Visita fiscale e fasce di reperibilità per stress, depressione e invalidità

La depressione senile da non sottovalutare

L’invecchiamento è una parte inevitabile della nostra vita, la depressione no, deve essere affrontata tempestivamente. Gli studiosi in pieno accordo tra loro dicono che tramite una diagnosi precoce e tempestiva, si possono prevenire le conseguenze emotive e fisiche. Diamo dei consigli sul comportamento da tenere quando si ha a che fare con una persona affetta da depressione senile:

1)Prendere coscienza dei loro limiti fisici: incoraggiando la persona a trovare l’aiuto di un medico, apportando modifiche alla dieta e allo stile di vita, evitate di proporgli una nuova attività che potrebbe provocare stress.

2)Rispettare i suoi desideri, non tutti gli anziani desiderano cambiare le loro abitudini di vita, specialmente all’aumentare dell’età, potrebbe essere riluttante all’idea di nuove abitudini o gettarsi in altre attività. Potrebbe essere utile chiedere consiglio ad uno psicologo della terza età.

3)Bisogna non perdere la pazienza, perchè l’anziano che è a casa, in pensione, può avere un’autostima fragile. A volte, tentare di stimolarla può segnare per loro un definitivo declino, potendosi pure arrabbiare proprio perchè capiscono che la situazione gli sta sfuggendo di mano.

4)Cercate di essere di supporto, la depressione senile non guarisce da un giorno all’altro, ma deve essere affrontata come un processo di guarigione che richiede tempo, sforzi e costanza.