Cancro alla prostata, mangiare i funghi ne riduce il rischio

-
19/03/2020

Cancro alla prostata, mangiare i funghi ne riduce il rischio.

Cancro alla prostata, mangiare i funghi ne riduce il rischio

Uno studio giapponese ha potuto dimostrare come mangiare funghi riduce il rischio di cancro alla prostata. Si parla di mangiarne due o tre volte a settimana, la percentuale di rischio si abbassa del 20% circa.

Cancro alla prostata, i funghi ne riducono il rischio

Questo studio giapponese ha sottoposto circa 37mila uomini di età compresa tra i 40 anni e i 79 anni in un periodo durato 13 anni. I soggetti sono stati divisi in più gruppi: chi non ha proprio consumato i funghi, chi li ha consumati una volta a settimana e chi, invece, li mangiava  due volte o tre volte a settimana. Il risultato è stato quello che, per chi li consumava due o più volte a settimana, il rischio cancro alla prostata si riduceva del 17%, per chi li consumava una volta a settimana il rischio si riduceva dell’8%.

La cosa che ci fa brancolare nel buio è che lo studio non specifica esattamente quale tipo di fungo porta questi benefici, di conseguenza dobbiamo pensare che qualunque tipo di fungo possa dare questi risultati eccellenti per il tumore alla prostata.

Un nuovo test delle urine può diagnosticare un tumore alla prostata

Oggi per diagnosticare un cancro alla prostata ci possono essere vari esami da fare: per iniziare ad avere un’idea un’analisi del sangue, il PSA o l’esplorazione rettale, esame invasivo e molto doloroso. Inoltre, oggi, si sta diffondendo sempre di più la risonanza magnetica multiparametrica, che indica le sedi a maggior rischio di focolai da sottoporre a biopsia; per questo, però, c’è ancora carenza di macchine e di esperti che le sappiano usare.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?

Ma la scoperta ancora più grande e che ci fa ben sperare è un test delle urine che può rivelare un tumore alla prostata; si tratta di un esame non invasivo, di fatto è una biopsia liquida. Consiste, infatti, nel cercare frammenti di RNA tipici del cancro analizzando l’urina con uno spettometro.