Candida che uccide in 3 mesi un paziente su 2: il fungo resiste agli antibiotici

Un fungo da candida che resiste agli antibiotici e uccide in 90 giorni: è allarme.

Si tratta di una forma di candida che si conosce da soli 10 anni e non si riesce a curare e che ultimamente sta prolificando ovunque uccidendo 1 paziente su 2 che la contrae.

Il fungo, che resiste agli antibiotici riesce ad uccidere in 3 mesi e sembra essere pericoloso soprattutto per persone con sistema immunitario debole o immunodepresse.

Il CDC ha aggiunto la candida auris, questo il nome del ceppo del fungo tanto pericoloso, tra le “minacce impellenti” a causa della facilità del contagio. Sul New York Times si riporta un esempio di un uomo contagiato dal fungo messo in isolamento e morto dopo 90 giorni, nella stanza , vista la resistenza del fungo, fu necessario cambiare pavimento e soffitto visto che ogni parte della stanza era positiva al test.

Candida auris: il fungo mortale

Perchè la candida auris è così pericolosa?  Le infezioni che può causare sono pericolose se raggiungono il sangue causando febbre, dolori muscolari e affaticamento, ma spesso i sintomi sono confondibili con quelli di altre malattie.

La pericolosità sta nel fatto che è resistente alla maggior parte dei farmaci contro le infezioni da funghi e ad oggi ha ucciso in 90 giorni la metà dei pazienti contagiati.

Il maggior numero di casi sono stati registrati in Giappone, India, Pakistan e Sudafrica. In Europa, al momento risultano contagiati 620 pazienti distribuiti tra Spagna, Regno Unito, Francia, Germania, Norvegia e Austria.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.