Carbone attivo: gli utilizzi e tutte le sue proprietà

-
22/07/2020

Che lo si chiami carbone vegetale, carbone attivo o attivato, questa polvere miracolosa promette benefici in termini di salute, ma anche migliorie estetiche. Ecco proprietà ed utilizzi possibili del carbone attivo.

Carbone attivo: gli utilizzi e tutte le sue proprietà

Carbone attivo:  si tratta di una polvere totalmente inodore ed insapore, che si ottiene dalla lavorazione del legname. La polvere ottenuta è impiegata nel settore medico ed in quello farmaceutico per il benessere di chi la utilizza. Ma quali sono tutti i possibili utilizzi del carbone attivo?

Carbone vegetale: ecco i benefici per l’organismo

Il maggiore utilizzo del carbone vegetale lo si ha in caso di problemi intestinali, come cattiva digestione e gonfiore. In questi casi viene solitamente consumato sotto forma di compresse ottenuta dalla polvere pressata. Si tratta di un valido rimedio anche in caso di alitosi. In commercio, esistono anche polveri di carbone (anche aromatizzate al cocco) da utilizzare in sostituzione del comunissimo dentifricio.

Spesso sono venduti sotto forma di kit con l’apposito spazzolino in bamboo, dotato di setole nere specifiche per l’applicazione del carbone vegetale sui denti. Il beneficio non è solo limitato alla profumazione dell’alito, ma anche allo sbiancamento. Il risultato di denti più bianchi è visibile già dalle prime due applicazioni, provare per credere!

Carbone attivo: altre modalità di utilizzo

Uno degli impieghi più sorprendenti del carbone vegetale è costituito dal suo utilizzo in caso di avvelenamento. La polvere è in grado di assorbire velocemente ed in maniera super efficace le sostanze tossiche che il nostro organismo può avere ingerito. Molto spesso i medici ricorrono proprio a questa soluzione in tali casi. Si tratta per lo più di avvelenamenti alimentari; quello derivante da funghi tossici ne è un tipico esempio.


Leggi anche: Pensioni, pagamento anticipato di febbraio 2021: si parte il prossimo 25 gennaio 

Si utilizza questa sostanza naturale anche per curare gastriti ed iperacidità gastriche. Il suo utilizzo non può avvenire però per periodi prolungati, in quanto un’assunzione eccessiva potrebbe provocare costipamenti. La dose consigliata è di due compresse, in genere dopo i pasti principali.

Qualche curiosità su questa polvere miracolosa:

I benefici del carbone vegetale sono anche in cucina! Lo si può impiegare per la preparazione di ricette, maggiormente in caso di lievitati (per pizza e pane, ad esempio). L’assunzione della polvere e la sua consumazione costante potrebbe portare ad una variazione del colore delle feci, cosa che è considerata estremamente normale.

Lo si può acquistare in farmacia, erboristeria e comodamente su internet. Non vi resta che sperimentare!