Carne rossa o proteine vegetali? Vediamo cosa dicono gli esperti

-
11/03/2020

Eliminare la carne rossa a favore di proteine vegetali ci allunga la vita.

Carne rossa o proteine vegetali? Vediamo cosa dicono gli esperti

Sostituire la carne rossa con le proteine vegetali è consigliato oppure no? Cosa dicono gli esperti?

Gli esperti sono molto favorevoli a questo scambio, tanto che ci invitano a sostituire la carne rossa con proteine vegetali, così da ridurre il rischio di mortalità del 50%.

Vediamo come sostituire la carne rossa con le proteine vegetali

Consumare proteine vegetali al posto della carne rossa riduce la mortalità del 50%: lo conferma uno studio fatto su 37mila soggetti americani con vari profili clinici alla Harvard School of Public Health.

Gli studiosi hanno fatto il loro studio sulla sostituzione totale della carne rossa con le proteine vegetali eliminandola del tutto, ma, nella pratica, limitarne il consumo aiuterebbe già ad avere dei risultati tali da allungare la vita delle persone.

La carne rossa dovrebbe essere sostituita con le proteine vegetali, ad esempio cereali integrali, legumi e frutta secca; così si assumerebbero anche degli ulteriori nutrienti, come sali minerali e vitamine. Gli studiosi hanno stilato una tabella che fa capire che possiamo fare a meno della carne rossa; basterebbe una riduzione del 2% per ottenere una morte prematura ridotta del 32%.

Lo studio, che è durato 15 anni, ha dimostrato che, per chi ha ridotto il consumo di carne rossa, rispetto a coloro che hanno continuato a consumarla normalmente, l’indice di mortalità  è diminuto del 27%, e addirittura del 29% se consideriamo solo la mortalità per infarto coronarico.

Quindi non bisogna fare altro che sostituire l’uso della carne rossa con le proteine vegetali; si sa, per molti è difficile rinunciare ad una bella fetta di carne, soprattutto se fatta sulla brace rinunciarci diventa davvero molto difficile. Purtroppo, se vogliamo vivere di più, dobbiamo almeno limitarne il consumo, favorendo, appunto, il consumo di cereali integrali, legumi e frutta secca. Dobbiamo imparare a cambiare abitudini per la nostra salute: gli studi fatti ci incentivano a seguirli.