Casa post Covid: ecco come sarà quella del futuro

-
02/07/2020

Il virus ha portato con sé una serie di cambiamenti concernenti gli aspetti della vita più svariati. Ma come saranno progettate e che design avranno le case del futuro, a prova di Covid-19? Design & Home Wellness, nella rubrica digitale #TempoDiRinascita, ha illustrato il parere degli esperti del settore.

Casa post Covid: ecco come sarà quella del futuro

Casa: i lunghissimi mesi di lockdown hanno costretto gli italiani a vivere 24 ore su 24 le proprie abitazioni. Lo stesso lavoro, svolto in modalità smart, ha visto come sfondo proprio le mura domestiche per giorni interi. Questo ha comportato il sorgere di alcune esigenze che prima semplicemente non venivano vissute. Inevitabile quindi il cambiamento, anche in termini di design, con cui oggi architetti e arredatori devono rapportarsi.

Casa: una prima fondamentale esigenza è lo spazio

Che si tratti di famiglie numerose o di coppie o single, vivere pienamente la propria abitazione ha comportato il sorgere di una esigenza specifica: lo spazio. Le dimensioni di stanze, corridoi o spazi della casa all’aperto sono diventate fondamentali. La cucina è stata protagonista nella preparazione dei cibi per gran parte della giornata.

Certamente tra le stanze vissute per maggior tempo, essa deve ancor più oggi essere spaziosa e comoda, dotata dei confort necessari a chi la sfrutta. Anche il salotto della casa, sfondo di grandi momenti di convivialità, deve essere arioso.

Non si sottovaluti che anche i complementi d’arredo hanno avuto la loro importanza. Molti, durante il lockdown, hanno impiegato il proprio tempo a disfarsi degli abiti non più utilizzati o al cambio di stagione. Tutti hanno avvertito la stessa esigenza: c’è bisogno sempre di più spazio (anche nell’armadio)!


Leggi anche: Reddito di cittadinanza e bonus Inps autoimpiego: i requisiti

Casa: contenitore di energie positive

L’incontro digitale ha reso possibile discutere di un’altra importante questione: la casa è simbolo della nostra identità, una sorta di prolungamento della nostra esistenza. Ancora più di prima, architetti ed arredatori dovranno evidenziare questa realtà e soddisfare le esigenze fondamentali e primarie del cliente.

La casa deve restituire, a chi la abita, una sensazione di pace e di benessere, oltre che di appagamento. I benifici sono così i più svariati: maggiore comodità e praticità, ma anche benessere fisico e psichico. Un vero e proprio tempio della pace e della serenità, un nido sicuro!

Le nuove abitazioni ancora più eclettiche:

Le case del futuro dovranno anche riuscire a conciliare alla perfezione gli svaghi e gli hobby di ciascuno. La casa non è più solo il luogo dove ci si rifugia una volta tornati dal lavoro, ma è anche ormai la nostra palestra, il nostro studio, e perché no, il nostro momento di relax.

Oggi si tende a chiedere infatti bagni spaziosi, luminosi, spesso dotati di cromoterapia o di vasche idromassaggio per il benessere. Ancor meglio sono le abitazioni che offrono ampi spazi all’aperto e giardini per chi desidera coltivare l’hobby del giardinaggio o per chi vuole solo godersi calma e tranquillità.

La casa del futuro sarà in grado di conciliare tutte le nostre esigenze e costituirà un po’ il nostro biglietto da visita quando un giorno, speriamo non troppo lontano, si potrà tornare a vivere la serenità di lunghi pranzi e cene con famiglia ed amici!