Casi di morbillo triplicati in Europa, in Italia 2.517 casi rispetto all’anno scorso

In forte aumento dei casi di morbillo in Europa, anche l’Italia ha subito un forte incremento circa 2.517 casi rispetto all’anno scorso.

I casi di morbillo in Europa sono triplicati tra il 2017 e il 2018 a 82.596, il numero più alto registrato in questo decennio, secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità .

Mentre i tassi di vaccinazione stanno migliorando, l’OMS afferma che la copertura non è abbastanza alta da impedire la circolazione del virus in molti paesi.

Il morbillo è una malattia virale altamente infettiva che a volte può portare a gravi complicazioni di salute, comprese le infezioni dei polmoni e del cervello.

Ci sono stati 72 decessi in Europa nel 2018 rispetto ai 42 del 2017.

I paesi europei ad alto numero di casi

I paesi europei con il più alto numero di casi di morbillo da gennaio a dicembre 2018 sono stati:

Ucraina (53.218)
Serbia (5.076)
Israele (2.919)
Francia (2.913)
Italia (2.517)
Federazione Russa (2.256)
Georgia (2.203)
Grecia (2.193)
Albania (1.466)
Romania (1.087)
Nel Regno Unito, ci sono stati 953 casi di morbillo l’anno scorso.

Nel frattempo, l’Ucraina ha avuto il più alto tasso di casi di morbillo in Europa, con 1.209 per un milione di abitanti – 10 volte il tasso del Paese nel 2017.

Perché c’è un’epidemia in Europa?

E questo spiega in gran parte il forte aumento dei casi totali in Europa, da 25.863 nel 2017 a più di 82.000 nel 2018.

I tassi di vaccinazione per il morbillo, la parotite e la rosolia in Ucraina sono diminuiti notevolmente nel corso di un certo numero di anni durante il conflitto con la Russia, raggiungendo il 31% nel 2016, tra i più bassi del mondo.

Entro la fine del 2017, la percentuale di bambini in Ucraina che erano stati vaccinati era significativamente migliorata, arrivando a circa il 90% ma, secondo l’Oms, ora è necessario sostenere la popolazione per ulteriori epidemie di morbillo.

“Lacune a livello locale”

Il dott. Zsuzsanna Jakab, direttore regionale per l’Europa dell’OMS, ha dichiarato: “Il quadro per il 2018 chiarisce che l’attuale ritmo dei progressi nell’innalzare i tassi di immunizzazione sarà insufficiente a fermare la circolazione del morbillo”.

“Mentre i dati indicano una copertura vaccinale eccezionalmente elevata a livello regionale, riflettono anche un numero record colpito e ucciso dalla malattia. Ciò significa che le lacune a livello locale offrono ancora una porta aperta al virus”.

L’OMS afferma che l’ondata di casi di morbillo nel 2018 è stata seguita da un anno in cui i paesi europei hanno raggiunto la copertura più alta mai stimata per la seconda dose della vaccinazione contro il morbillo: il 90%.

Anche la percentuale di bambini che hanno ricevuto la prima dose del vaccino è aumentata al 95%.

Fonte: BBC

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”