Colesterolo alto? Ecco i 7 formaggi che possiamo mangiare

-
24/03/2020

I 7 formaggi che contengono poco colesterolo.

Colesterolo alto? Ecco i 7 formaggi che possiamo mangiare

Mantenere il colesterolo basso non è un’impresa così difficile e complicata, bisogna fare attenzione all’alimentazione, fare in modo che sia piuttosto light, tenendo presente che il colesterolo si trova soprattutto nei formaggi e nelle carni. Per quanto riguarda i formaggi bisogna fare delle distinzioni: ce ne sono alcuni molto pericolosi, perchè ricchi di colesterolo, come quelli spalmabili e il pecorino.

I 7 formaggi che possiamo mangiare e che contengono poco colesterolo

I formaggi, solitamente, sono da evitare da chi soffre di colesterolo alto, ma ce ne sono alcuni che ne contengono pochissimo e che, quindi, possono essere mangiati moderatamente. Vediamo quali:

  1. Il parmigiano: contiene colesterolo, ma una spruzzatina su un piatto di pasta una volta al giorno la si può mettere.
  2. I fiocchi di latte: sono molto magri, si possono consumare fino a tre volte a settimana; il consiglio è quello di usare le porzioni da 100 grammi.
  3. Il gorgonzola: è molto meno grasso di quello che si dice in giro, è ricco di acqua; nonostante ciò non conviene andare oltre una volta alla settimana nel consumo.
  4. La mozzarella: anche sulla mozzarella si dicono tante cose che non sono vere, basta non esagerare; le porzioni devono essere non oltre i 100 grammi e non bisogna mangiarla più di due volte a settimana.
  5. La ricotta: se mangiate quella fresca è povera di colesterolo, fa molto bene in quanto è ricca di minerali, proteine e calcio.
  6. La feta: è un formaggio tipico greco e povero di colesterolo, contiene molto sale ed è sconsigliato per chi soffre di ipertensione.
  7. La crescenza: povera di colesterolo, è ottima da mangiare da sola, come condimento per un piatto di pasta o per un’insalata, o anche spalmata su una fetta di pane.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps