Cos’è la terapia di coppia? E perché le persone ci vanno?

Cos’è la terapia di coppia? E perché sempre più persone ci vanno? E’ giusto chiedere aiuto ad un professionista che però è pur sempre un estraneo?

Sentiamo spesso parlare di terapia di coppia: dai film al cinema, alle star in tv che dopo aver passato un periodo di crisi, decidono di affidarsi agli esperti del settore. Ma non solo personaggi famosi; anche le persone comuni hanno iniziato a mostrare interesse a questa nuova forma di terapia e, rifacendosi alle loro star preferite e ascoltando le loro vicende, hanno deciso di provare a risolvere in questo modo qualche problema presente all’interno della coppia, come magari un tradimento oppure una mancanza di desiderio. Ma la vera domanda è: cos’è la terapia di coppia? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Terapia di coppia, un aiuto per chi si ama, ma passa un periodo di crisi

In primis bisogna dire che la terapia di coppia deve essere una decisione che deve essere presa alla fine di una serie di tentativi di riportare la coppia al suo stato originario, e quindi prima di una probabile crisi. Quindi, per essere più sintetici: la coppia passa un momento non facile che porta ai due ad allontanarsi di più l’uno dall’altro. Dopo aver cercato di risolvere da soli il problema, la coppia decide di tentare la terapia insieme, se davvero intenzionata a stare di nuovo bene.

La seconda cosa da dire è che si tratta di una vera e propria psicoterapia di coppia, e come tale, deve essere voluta allo stesso modo e allo stesso livello da entrambe le parti della coppia per poter arrivare ad una guarigione a tutti gli effetti, che può portare i due a stare anche meglio di come stavano prima della crisi.

Come abbiamo già detto in precedenza, possono esserci numerosi motivi che portano la coppia a lasciarsi, dal tradimento ad una incomprensione. Spetterà allo specialista in questione a far emergere le reali problematiche della coppia, quelle sia evidenti che intrinseche, e in base a questo, decidere su come lavorare insieme e quante volte vedersi.

Terapia di coppia, quando bisogna rivolgersi allo specialista?

Spesso accade che chi sta in coppia si rivolge al professionista in questione quando ormai è troppo tardi, quando ormai non c’è più nulla da fare poiché i due si sono allontanati troppo e hanno realizzato un muro intorno al loro stessi in modo separato. E’ bene, quindi, rivolgersi allo psicoanalista entro i 2 anni della crisi della coppia. Dopo sarebbe davvero troppo tardi.

Secondo le percentuali, soltanto nel 70% dei casi i partner riescono a superare la crisi e arrivano addirittura ad affermare di stare meglio insieme anche prima della crisi. Qualora, invece, questo non avvenisse, è bene lasciarsi sempre in modo civile senza arrivare a litigi o cose simili, sempre dopo essersi dati un’altra possibilità.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.