Cuore: secondo uno studio le uova non fanno male

-
06/03/2020

Le uova non fanno male al cuore, lo dice uno studio.

Cuore: secondo uno studio le uova non fanno male

Uno studio eseguito fatto ad Harvard, dichiara che tra il consumo di uova e rischi di patologie al cuore o circolatorie, non c’è nessun collegamento.

Cuore: ecco lo studio che conferma che le uova non hanno ripercussione sul cuore

Questo studio fatto ad Harvard, ha esaminato le abitudini di circa 215mila persone in un tempo molto lungo, 32 anni. Ogni soggetto ha dovuto riferire tutte le loro abitudini e consumi dell’alimento, l’uovo, ogni soggetto proveniente da attività ed età diverse, vediamo le suddivisioni:

  • tra i 30 e i 55 anni numero 83349 infermieri
  • tra i 25 e i 44 anni numero 90214 infermieri
  • tra i 40 e i 75 anni numero 42055 professionisti di sesso maschile

Alla fine di questi studi si è potuto affermare che non ci sono relazioni dirette tra il consumo delle uova e patologie cardiovascolari. La cosa che è stata più notata in questo studio, e che unitamente alle uova si ha una tendenza ha consumare cibi spazzatura e poco salutari per il cuore.

Ecco le dichiarazioni del dottore che ha seguito questo studio:

  • “L’associazione tra consumo di uova e rischio di disturbi cardiovascolari è stata al centro di un intenso dibattito durante la decade passata. I risultati ottenuti da precedenti studi sul consumo di uova e il rischio di malattie cardiovascolari si sono rivelati inconcludenti. I risultati del nostro studio coorte e gli aggiornamenti delle analisi dei meta dati mostrano che un consumo moderato di uova, fino ad uno al giorno, non è associato con un rischio generale di malattie cardiovascolari. Risultati simili sono stati registrati per disturbi coronaici e ictus”.

Le uova sono un alimento a costo ridotto e facili da cucinare in tanti modi, si possono fare sode, ci si può fare una frittata, si usano molto per fare dolci, addirittura c’è chi li mangia per colazione e chi addirittura li usa per merenda, l’importante è non superare la dose di uno al giorno.