È ora di vaccinarsi, l’influenza è già arrivata

-
30/10/2019

L’influenza è arrivata e quest’anno è molto potente, si consiglia a tutti di vaccinarsi.

È ora di vaccinarsi, l’influenza è già arrivata

Quest’anno l’influenza è già arrivata e ha messo a letto già 150mila persone, e già c’è un primo caso grave ad Udine, un uomo, senza patologie gravi è stato colpito da una forma influenzale molto grave tanto da finire in rianimazione. Quest’anno l’influenza è molto più aggressiva rispetto agli scorsi anni e minaccia anche le persone sane.

È davvero così importante vaccinarsi?

La Società Italiana di terapia antinfettiva ribadisce quanto sia importante vaccinarsi e lancia di nuovo l’appello che tutti lo facciano. Le previsioni quest’anno, data l’aggressività sono terribili, saranno colpiti 6 milioni di soggetti e anche chi non avrà nessun problema grave, rischia di prenderla in modo pesante.

Il Presidente della Società Italiana di terapia antinfettiva dichiara che il pericolo di quest’anno, data l’aggressività, può colpire anche persone sane e che la vaccinazione deve essere universale, non esiste categoria di soggetti risparmiata da potenziali complicanze.

Andremo incontro ad una stagione influenzale con circolazione di virus molto diversi: H3N2, H1N1, virus B. Prima del caso di Udine, sempre nel mese di settembre, a Parma era stato isolato il primo virus influenzale di stagione da un tampone faringeo di una bambina di 6 anni ricoverata nel reparto di pediatria generale e d’urgenza.

Con tutti questi sbalzi termici, si mettono in azione tutti i 262 tipi di virus respiratori, l’epidemia influenzale vera e propria, dicono gli esperti, si presenterà con l’arrivo delle temperature più basse, per ora si rischia poco, abbiamo per ora tutte in forma  parainfluenzale che si presentano con tosse, raffreddore, dolori muscolari.

Nel frattempo, dal 14 ottobre, si è dato inizio alla sorveglianza epidemiologica per la stagione influenzale 2019-2020 attraverso il sistema influnet dell’istituto Superiore della Sanità. Per quanto riguarda gli obiettivi dell’organizzazione mondiale della sanità ci si pone degli obiettivi minimi del 75% e del massimo del 95% per gli ultra sessantacinquenni e nelle persone a rischio.

Influenza stagionale 2019-2020: incubazione rapida, sintomi